#Sanremo2022 Michele Bravi, ‘Inverno dei fiori’: “La gentilezza come seme di rinascita”

Inverno dei fiori è il brano che riporta sul palco di Sanremo Michele Bravi, disponibile in radio e su tutte le piattaforme digitali insieme al videoclip ufficiale di cui lo stesso Michele cura anche la regia insieme a Roberto Chierici. Dopo Il diario degli errori, il cantautore porta sul palco almeno tre concetti chiave “ascolto, comprensione ed empatiaCon Inverno dei fiori volevo raccontare un gesto di empatia e di ascolto attraverso una canzone – spiega Bravi – il fatto di riuscire a creare un intreccio umano in questi tempi in cui una delle parole più usate èdisimparare’.”

Ph. Cr. Roberto Chierici

E l’immagine della fioritura in inverno diventa una metafora del senso dell’amore e della gentilezza che è un seme di rinascita. Pensa che ero convinto che solo in estate potessero fiorire le piante, ma ho scoperto che esistono i fiori anche in inverno con tutta una mitologia enorme… da sognatore credo nei gesti delle canzoni e nel potere delle parole. Con questo Sanremo voglio raccontare i legami umani attraverso la musica”.

A proposito, poi, del videoclip, Michele Bravi parla di “viaggio nella solitudine che attraversa il percorso delle stagioni. In una banchina metropolitana circondato da figure inanimate e silenziose, la ricerca dell’intreccio umano viene raccontata attraverso la finzione teatrale dove lo scambio artistico permette di scoprirsi così simili e vicini. Una metamorfosi floreale chiude il racconto visivo come metafora di una richiesta d’aiuto. Un racconto di come il supporto reciproco sia l’essenza profonda dell’amore e contenga sempre in sé il seme della rinascita. Per rifiorire ogni giorno. Come fiori, anche d’inverno.”.

Di seguito un estratto video dalla conferenza stampa di Michele Bravi.

Michele sarà presto in teatro con una serie di concerti in tutta Italia a partire dal mese di maggio (Vivo Concerti, biglietti su www.vivoconcerti.com). Qui le date di Live a teatro:

  • 15 maggio Torino, Teatro Colosseo
  • 20 maggio Padova, Gran Teatro Geox
  • 23 maggio Milano, Teatro degli Arcimboldi e
  • 26 maggio Bologna, Teatro Celebrazioni.
  • 29 maggio Roma, Auditorium della Conciliazione

Ph credit Roberto Chierici