Quando una canzone non basta: Giuliano Sangiorgi pubblica ‘Il tempo di un lento’

A volte c’è bisogno di più spazio rispetto a una canzone. E questo Giuliano Sangiorgi lo sa bene: è in libreria per Einaudi il nuovo romanzo Il tempo di un lento, racconto lungo di formazione che fa apprezzare ancora una volta la penna del cantautore e musicista.

È il giorno!!! – scrive Sangiorgi sul suo profilo Instagram in occasione della pubblicazione – Lo aspettavo da tempo, da quando scrissi l’ultima parola del mio primo romanzo #lospacciatoredicarne e oggi, finalmente, vede la luce #iltempodiunlento la mia nuova avventura letteraria.

A volte una canzone non basta e allora mi rivolgo alle pagine bianche di un libro, immacolate e apparentemente senza vita. Mi ci tuffo dentro e nuoto libero fino al confine estremo dei loro bordi, per poi superarli per provare a raggiungervi, ovunque voi siate, ovunque voi vogliate.

 

Sento di avere il mare infinito intorno e il vento in poppa. E con le parole veleggio sulle onde del tempoDa quel mare ho visto un panorama mozzafiato, il cielo più intenso e profondo di sempre e nuvole passeggere, pure quelle, ma le ho soffiate subito via, per vederci chiaro su Luca, Maria Giulia e Gennaro, sulle loro vite e magari anche sulla mia, che è passata accanto a questi personaggi, in punta di piedi, per non fare rumore, per non distrarli dal loro cammino.

Una cassetta, il 1984, un “lento”, l’amore incosciente e spregiudicato, gli anni di piombo nel nostro Paese, l’America e il suo sogno negli anni novanta/zero e l’amore di un padre, che non conosce pace, fino agli occhi di un figlio nei giorni nostri.

SINOSSI UFFICIALE

Tutto comincia con un bacio al buio in uno sgabuzzino, deciso dalla sorte nel gioco della bottiglia. Luca ha tredici anni e non ha mai baciato nessuno. Così, quando si trova da solo con Maria Giulia, bella, sfrontata e temuta da tutti, la sua vita cambia per sempre. Presto arriva l’estate e, al mare con i genitori, lui non può piú incontrare la ragazza che gli piace. Passa le serate a guardare il Festivalbar finché non ha un’idea.

Con la chitarra compone la sua prima canzone d’amore, la registra su un’audiocassetta e la spedisce a lei. Non riceve risposta. Ma il primo giorno di scuola si accorge che sul pavimento, lungo il percorso che conduce alla sua classe, qualcuno ha scritto le parole di quella canzone. Seguendole, arriva fino a Maria Giulia. Da allora, l’amore e la musica travolgono la sua esistenza, innescando una serie di eventi inattesi, inimmaginabili, che lo porteranno molto lontano.

Giuliano Sangiorgi, Il tempo di un lento, Torino, Einaudi Stile libero, 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *