Vasco Brondi, il suo ‘Paesaggio dopo la battaglia’: “La possibilità di essere autentico”

Da venerdì 7 maggio è disponibile Paesaggio dopo la battaglia (autoprodotto da Cara Catastrofe e distribuito da Sony Music), primo album solista di Vasco Brondi. Dieci le tracce del progetto, che il cantautore ha introdotto con queste parole: “Il titolo del disco è anche quello di una delle canzoni dell’album. Una canzone d’amore anomala, per me, perché riferita a un’entità e non a una persona. Scrivendola mi sono reso conto che poteva essere un buon contenitore per tutti gli altri brani.

Questo è un disco pieno di battaglie, intime e collettive, personali e universali. Ed è pieno anche di paesaggi, interiori ed esteriori. Sono paesaggi che sono residui dopo una battaglia, quindi diversi, ma anche completamente nuovi da cui ripartire. La foto di copertina è uno scatto inedito di Luigi Ghirri: mostra un bimbo traballante che esce fiducioso da una nuvola nera e rappresenta in questo un po’ la capacità anche dell’Italia di andare avanti e rialzarsi.

Di battaglie e paesaggi, dunque: “È la mi battaglia con la musica, fatta di immersione e di allontanamento. – continua Brondi – È un disco che per al prima volta ha il mio nome per farlo mi sono circondato di musicisti con cui ho sempre voluto suonare. Nel mio percorso mi sono accorto che fosse indispensabile seguire la mia direzione e ogni disco è una delle settecento vite che si possono avere. Ho seguito la possibilità di essere autentico.

In ogni canzone c’è qualcuno che ricerca fiduciosamente anche in tempi difficili, tra le leggi della città e quelle dell’universo. Dopo la battaglia c’è una pace incerta, piena di ferite o piena di sollievo. C’è qualcuno che chiama un nome tra le macerie, qualcuno che risponde.

Vasco Brondi

Il disco, prodotto da Taketo Gohara, Vasco Brondi e Federico Dragogna, vede partecipazione e la collaborazione di Mauro Refosco, Paul Frazier, Enrico Gabrielli e Alessandro “Asso” Stefana. Pubblicato nei formati CD e vinile, Paesaggio dopo la battaglia esce anche in tiratura limitata, accompagnato dal libro Note a margine e macerie, un diario on the road in cui Brondi ha raccolto “tutto quello che era esondato dal formato canzone“.

Per presentare il progetto, il cantautore sarà protagonista di una serie di  incontri organizzati presso alcuni importanti Atenei italiani con antropologi, filosofi, filologi, psicologi e scrittori. Ecco gli appuntamenti:

  • 10 maggio Università Statale di Milano Dipartimento di Filosofia / dialogo con il Prof. Andrea Borghini
  • 11 maggio Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Studi Umanistici / dialogo con la Prof.ssa Fortuna Procentese
  • 14 maggio Università di Siena Dipartimento di Filologia e Critica delle letterature antiche e moderne / dialogo con il Prof. Claudio Lagomarsini
  • 18 maggio Università degli Studi di Trento Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive / dialogo con il Prof. Nicola De Pisapia
  • 25 maggio Università di Bologna Dipartimento di Filosofia e Comunicazione e Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita / dialogo con i Prof. Stefano Marino e Lucio Spaziante

 A seguire le prime date del nuovo tour:

  • 28 giugno Milano Estate Sforzesca 2021
  • 30 giugno Fiesole (FI) Estate fiesolana,
  • 13 luglio Bologna Sequoie Music Park
  • 16 luglio Collegno (TO) Flowers Festival
  • 18 luglio Villafranca di Verona (VE) Festival Estate al Castello – Villafranca non si arrende 2021
  • 21 luglio Como Villa Olmo Festival
  • 30 luglio Vittoriale degli italiani – Gardone Riviera (BS) Tener-a-mente Festival