‘Unlockdown’, Emma Dalla è Michelle: l’intervista

La tredicenne Emma Dalla interpreta Michelle in  Unlockdown, la serie originale di KidsMe in onda ogni venerdì, dal 16 aprile, alle 19.05 su DeAKids (Sky, 601) e disponibile anche on demand su Sky e in streaming su NOW. Ecco che cosa ci ha raccontato la giovante attrice.

In che cosa somigli al tuo personaggio e in che cosa Leo è diverso da te?
È stato bellissimo immedesimarmi in Michelle ma siamo due mondi totalmente differenti. Tra me e lei non c’è nulla di simile, il mio ordine è contrario al suo, dalla camera agli schemi fino al mio quaderno. Ma è stato facile, per me, immedesimarmi in lei perché la mia migliore amica è proprio come lei! È stato bello mettermi nei panni di Michelle anche se non rispecchia la mia natura.

E come hai vissuto questo anno, tra didattica a distanza e set?
Per me il primo lockdown non è stato tanto faticoso, come invece lo è stato per altri miei compagni che vedevo proprio tristissimi. Grazie alle varie piattaforme sentivo i miei amici con le videochiamate e quindi non c’è mai stato un grande senso di mancanza. E anche con questo secondo lockdown devo ammettere non ho trovato tutta questa differenza: molte volte abbiamo, però, dovuto tornare a casa perché avevamo compagni positivi al Coronavirus. Perciò, facevamo una settimana a scuola e una a casa.

Che rapporto si è creato fra voi ragazzi e gli adulti della serie, a partire dal regista Gianluca Leuzzi a Federica Lucaferri?
Lavorare con Gianluca è stata un’esperienza bellissima, ci ha aiutato tantissimo; pensa che quando avevamo battute troppo lunghe ci faceva porta l’acqua per assicurarci che non avessimo la bocca troppo asciutta. E poi abbiamo conosciuto Fabio Volo: è stato molto divertente perché diceva le sue battute in modo da farci ridere per davvero e io dovevo trattenere le risate! Si è creato un rapporto veramente bello con tutti ed è stato fenomenale essere lì.

C’è un momento particolarmente divertente che non dimenticherai mai?
Ci sono tantissimi momenti divertenti che potrei ricordare ma uno che porterò nel cuore è stato nei miei primi giorni sul set. Eravamo seduti sul divano e io dovevo fare un’esclamazione di stupore… ma non ricordavo niente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *