Giulio Wilson torna con ‘Storie vere tra alberi e gatti’: “Alle prese con la mia fantasia”

Un po’ prestigiatore, un po’ cantastorie. Questo sembra il cantautore Giulio Wilson sulla copertina del suo nuovo album, Storie vere tra alberi e gatti (Maninalto! / Believe). Il progetto, negli store digitali e in formato fisico su CD e LP, comprende tredici canzoni fra ballad, brani cantautorali e intermezzi strumentali ed è il frutto di due anni di lavoro. Passato e presente da ascoltare e sfogliare, come fossero pagine di note, si rincorrono su suoni ricercati nati anche da collaborazioni inedite.

Ci sono, fra gli altri, Roy Paci e i Musici di Francesco Guccini a contribuire agli scatti musicali di Wilson, che così racconta l’album: “Ci sono voluti quasi due anni per dare luce a queste canzoni, più o meno lo stesso tempo che generalmente attendo quando faccio maturare il vino nelle botti di castagno.

Ho preferito scrivere di gatti, cani e alberi piuttosto che di cellulari, alle prese solo con la mia fantasia, davanti a carta e penna, proprio come avrebbe fatto un artigiano fiorentino con delle vecchie assi di ciliegio.

In questo mondo, in cui tanti parlano e pochi ascoltano, sento di essere fortunato ad aver intrapreso una strada artistica all’insegna delle canzoni d’autore, le stesse che non si limitano ad essere interpretate, ma anche scritte, tracciando un percorso artistico, creativo che prova a ignorare quel senso di vuoto che affligge la civiltà moderna”.

Ad affascinare Giulio Wilson, e attraverso le sue canzoni chi si pone all’ascolto, sono le storie piccole e dei piccoli, quelle che rischiano di perdersi nei meandri del dimenticatoio. Ma che sono racconti di tanti micro-universi senza tempo né coordinate con la forza di diventare specchio di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *