Sananda Maitreya, il nuovo album è ‘Pandora’s PlayHouse’

Pandora’s PlayHouse è il nuovo album di studio di Sananda Maitreya che inaugura il 2021 con un doppio disco di inediti pubblicato da TreeHouse Publishing. Registrato completamente in lockdown, il progetto raccoglie fin dal titolo una suggestione mitologica che diventa, nel suo svolgimento, l’anello di conclusione della saga iniziata nel 2007.

Inizialmente l’idea era quella di un album singolo – racconta Sananda – ma mi sono reso conto di aver invocato spirito di Pandora e la mitologia mi ha portato a scrivere un album più ampio. Così, il lavoro si è espanso in due volumi ed è pieno di energia positiva rispetto a un periodo così negativo. A volte è più facile creare lavori con maggiore spessore quando i tempi attorno a te hanno maggiore profondità; c’è un’energia che si trasforma in emozione e viene incanalata in quello che fai. Sembra un cliché, ma l’arte assorbe l’energia che ci circonda: io ho trovato questa energia attorno e la creazione rispecchia lo spirito di questo tempo.

Il disco miscela rock, psichedelia, soul e R&B in 28 brani che toccano temi come l’amore, la passione, la fragilità della natura e dell’uomo. “È un progetto molto, molto personale e gli sono emotivamente legato – spiega ancora Sananda Maitreya – Sono contento di poterlo condividere e spero che chi lo ascolterà possa trarre la stessa energia di quando l’ho registrato, spero possa far stare bene la gente. Per me è un sollievo aver inciso questo album perché sento che è come se avesse chiuso un ciclo così da permettermi di dedicarmi a nuova musica. 

Tra le collaborazioni c’è quella con Irene Grandi, che l’artista racconta così: “Quando lavori a un progetto in un tempo difficile e puoi collaborare con altri è sempre un sollievo, è una forma di condivisione positiva. Da anni ero in contatto con Irene, ci eravamo conosciuti a un concerto di Natale e spesso avevamo parlato di una collaborazione fra di noi; ora c’è è stata l’opportunità. Lei mi ha chiesto suggerimenti su una cover per il disco dei 25 anni di carriera e il le ho proposto i Rolling Stones. Mi sembrava una bella cosa per il suo venticinquesimo.”

Milano mi dà molta energia produttiva, è una città amica della musica. Mi aiuta molto a lavorare e ha anche una grandissima storia artistica che è un valore aggiunto.

Oltre alla Grandi, Pandora’s PlayHouse vede anche la presenza della band Australiana The Avalanches & Vashti Bunyan e di Antonio Faraò. Nella clip video che segue un estratto dalla conferenza stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *