Far finta di essere sani: il nuovo format dedicato al repertorio di Gaber VIDEO

Da un’idea di Lorenzo Luporini, nipote di Giorgio Gaber che ha già portato la lezione umana e artistica del Signor G nelle scuole, nasce il nuovo format Far finta di essere sani. In una serie di appuntamenti, Lorenzo incontra alcuni artisti, attori e protagonisti della scena contemporanea, per proporre una riflessione su uno dei brani del repertorio gaberiano e sulla cultura destinata ai giovani.

Il format ha come ospite inaugurale Elio Biffi, voce e tastiere dei Pinguini Tattici Nucleari, che per l’occasione ha scelto di partire dal brano Quando sarò capace di amare (G. Gaber – S. Luporini). “Ho scelto questo brano perché fa parte di quella categoria di brani di Gaber che sono a metà tra monologo e canzone”– racconta Elio – Personalmente ho passato l’adolescenza a esplorare la musica e posso dire di aver seguito due importanti filoni, uno di questi era il cantautorato e quindi Gaber. Mi sono molto appassionato soprattutto agli ultimi dischi che ha fatto”. 

“Bisogna ascoltare Gaber – continua Biffi – perché è un personaggio che ha attraversato la seconda metà del 900, un periodo fondamentale per capire cosa siamo adesso negli anni Duemila, e l’ha attraversata tutta con grande stile e attingendo a tutte quante le possibilità di espressione artistica del suo tempo”. 

Gli incontri prevedono anche filmati editi e inediti di Gaber di proprietà della Fondazione, contributi filmati da precedenti attività e dichiarazioni dello stesso Gaber. Il programma, prodotto dalla Fondazione Gaber, è realizzato con la collaborazione del Presidente della Fondazione Paolo Dal Bon; regia e montaggio di Bianca Pizzimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *