Måneskin, ‘Vent’anni’: “Non vogliamo essere di passaggio”

Tornano i Måneskin. La band fenomeno che ha conquistato il pubblico di X Factor e macinato consensi con il disco di debutto Il ballo della vita (Doppio Platino FIMI) canta i suoi Vent’anni nel nuovo singolo, in radio e digitale da venerdì 30 ottobre. E la prima esibizione del brano è accolta nella splendida cornice dei Palazzi imperiali sul Palatino a Roma inondati dalla luce tagliente di un tramonto d’autunno inoltrato.

Damiano, Victoria, Thomas e Ethan raccontano, così, l’entusiasmo provocatorio dei ventenni di oggi come un manifesto di libertà espressiva, personale e generazionale. “È un testo che parla della nostra visione ed esperienza dei vent’anni, un’età particolare e delicata.  – esordisce il frontman raccontando il pezzo – Il nostro obiettivo è accorciare un gap generazionale portando alla luce certe emozioni e sensazioni che quando si vive quest’età, secondo noi, sono universali.

Ph. Cr.: Francis Delacroix

Quando abbiamo iniziato a scrivere Vent’anni eravamo in lockdown – continua – e abbiamo provato a trovare metodi alternativi con cui lavorare. Dal giro di chitarra iniziale, poi, è nato il testo e appena ci siamo rivisti abbiamo unito i riff della quarantena e questo è stato il primo brano nato

All’inizio del testo c’è la frase ho paura di lasciare al mondo soltanto denaro, che il mio nome scompaia, tra quelli di tutti gli altri: riflette la nostra voglia di fare qualcosa che vada oltre il profitto. Non vogliamo essere di passaggio ma puntiamo a fare qualcosa di grande e significativo per noi e per chi ci segue.

Ho scritto il testo con due punti di vista: c’è il mio sguardo di ventenne e quello di me adulto. Ho immaginato di avere l’età di mio padre e dire al me del passato cose che avrei voluto sapere. (Damiano, Måneskin)

Non ci siamo imposti limiti, neppure sulla durata del brano che rispecchia molto il nostro aspetto più analogico ed esalta la parte musicale. – spiega la band – Abbiamo fatto in modo che già musicalmente il brano reggesse da sé in modo che poi ci si aggiungesse la voce di Damiano. Siamo stati a Londra e l’atmosfera, lì, è stata importante per noi, ci ha influenzato molto così come la dimensione live e la cultura della band rock.

Il singolo Vent’anni è corredato da una campagna fotografica firmata da Oliviero Toscani. Lo abbiamo coinvolto perché le sue foto e le sue campagne hanno sempre scatenato discussioni – raccontano i Måneskin – e toccando temi molti conciliabili con quelli che vogliamo trattare noi e che ci stanno a cuore. La scelta è stata naturale e l’esperienza è stata molto importante: c’è stato uno scambio molto bello alla fine abbiamo tirato fuori un manifesto che ci rappresenta.

Tenevamo a esprimere attraverso la foto l’idea di un amore senza sovrastrutture e pregiudizi, una libertà sessuale, individuale, del proprio corpo. – specifica Victoria – Ognuno è ciò che è e può amare chi vuole, si deve essere se stessi ed essere liberi di sbagliare.

E dopo Vent’anni, il gruppo guarda ai prossimi impegni: “Adesso noi stiamo facendo il nostro ritorno con questo pezzo e siamo concentrati su questo, non possiamo dare anticipazioni ma abbiamo iniziato bene anche grazie a una consapevolezza musicale maggiore”, dicono all’unisono i quattro artisti. E promettono: “Ci saranno tante cose fighe, ecco, questa è la parola esatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *