Arisa e Manupuma: un singolo per il Progetto Maternità Covid-19 di Fondazione Rava

Nucleare è il nuovo singolo che Arisa con Manupuma pubblica venerdì 15 maggio (digital download e streaming), il cui ricavato sarà devoluto al Progetto Maternità Covid-19 della Fondazione Francesca Rava N.P.H.Italia Onlus. L’ente è impegnata in questa situazione di emergenza sanitaria e scende in campo anche in aiuto a mamme e bambini. La cantante Arisa, volontaria della Fondazione, e l’artista Manupuma sostengono questo progetto dedicando con un toccante brano inedito.

Arisa dichiara: Nucleare è un brano bellissimo scritto da Emanuela e Michele tempo fa, me ne sono innamorata al primo ascolto e ho pensato che fosse il nitido manifesto di alcuni degli aspetti di questo tempo. Che la vita continui senza pericoli e paure perché solo negli occhi di un bambino troveremo sempre l’amore vero ad indicarci la strada.

Sono contenta che al mio fianco nell’interpretazione di questo brano ci sia Manupuma, ho sempre trovato la sua vocalità una perla rara e il suo modo di scrivere intenso ed originale. Speriamo bene per le mamme del Sacco e della Mangiagalli e non solo, speriamo bene per le vite di tutto il mondo, comprese le nostre. Grazie di cuore Fondazione Francesca Rava per avermi dato ancora la possibilità di rendermi utile e di emozionarmi tanto”.

Manupuma aggiunge: “Con Michele Ranauro, autore della musica, ci siamo ritrovati per caso dopo anni e abbiamo iniziato a collaborare su diverse cose, oggi uniti, assieme alla voce speciale e cristallina di Arisa e per una causa così importante ci sembrava urgente fare uscire questo brano, e dare il nostro contributo con Nucleare.”

L’obiettivo è allestire nei Reparti di Maternità di alcuni ospedali italiani, percorsi ad hoc per le mamme affette e non da Covid-19, affinché possano affrontare il parto in totale sicurezza. Il progetto è attivo presso la Clinica Mangiagalli e l’ospedale Luigi Sacco di Milano, indicati dalla Regione Lombardia quali Hub per il territorio metropolitano milanese. Ma la Fondazione è al lavoro anche nei Reparti di Maternità di altre strutture ospedaliere italiane.