Cher pubblica per la prima volta un brano in spagnolo e sostiene l’UNICEF

Non era mai successo in cinquantacinque anni di carriera: Cher pubblica un brano completamente in spagnolo. Si tratta di Chiquitita, classico degli Abba in uscita venerdì 8 maggio e i cui ricavati sosterranno l’UNICEF. Ad accompagnare il singolo – che viene rilasciato digitalmente anche in inglese – un video, presentato sabato 9 maggio in occasione dell’evento COVID-19 Virtual Special dell’UNICEF presentato da Téa Leoni.

Cher, che ha registrato a casa, afferma: “Ho iniziato a provare la versione spagnola alla fine dello scorso anno. Quando il mondo ha iniziato ad essere afflitto dal Coronavirus, ho voluto essere d’aiuto in qualche modo. Ho pensato che fosse il momento giusto per portare a termine la registrazione.

Da sempre ammiro il lavoro dell’UNICEF, soprattutto il lavoro che fanno per le giovani donne. Audrey Hepburn è sempre stata un mio idolo e quando è diventata la loro prima ambasciatrice nel 1988 ero molto orgogliosa di lei. Adesso più che mai è importante si dia priorità ai bambini di tutto il mondo, come se fossero i nostri.”

L’artista donerà anche 1 milione di dollari a vari enti umanitari impegnati nei diritti delle persone “cronicamente abbandonate e dimenticate” durante l’attuale pandemia attraverso la sua nuova CherCares Pandemic Resource and Response Initiative (CCPRRI).

Quando vedo il numero devastante di minoranze affette dal COVID-19, so che abbiamo tutti il dovere di aiutare dove e come possiamo. Con il sapere e la guida del  Dr. Redlener, spero di poter fare la differenza. Non possiamo dimenticare chi soffre di più.

Le donazioni di CherCares, in collaborazione con il Dr. Irwin Redlener, capo della Pandemic Resource and Response Center Initiative all’ Earth Institute della Columbia University e co-fondatore del Children’s Health Fund, saranno a favore delle comunità di nativi americani e persone di colore spesso trascurate dagli aiuti e che hanno scarsissima assistenza medica e protezione fisica.