Dal palco al grande schermo: le vite dei cantanti raccontate al cinema

Tragiche, avventurose, uniche nel loro genere, le vite di molti musicisti famosi sembrano uscire direttamente da un romanzo. Aderendo allo stereotipo dell’artista travagliato, questi musicisti hanno dato voce alla loro interiorità, rispecchiando nella loro arte i dubbi, gli eventi, ma anche le gioie della loro vita reale. Tutto ciò non è passato inosservato a registi e produttori, che spesso hanno voluto raccontare sulla pellicola le storie di questi artisti che hanno cambiato il mondo della musica. Se le produzioni hollywoodiane sono sicuramente le più celebri in questo settore, con film che raccontano la storia di artisti del calibro dei Beatles, anche il panorama italiano è ricco di musicisti, soprattutto del secolo scorso, le cui storie hanno ispirato lungometraggi di successo.

Dal palcoscenico agli Oscar

Sono molti i film del panorama internazionale che, raccontando le storie di musicisti e cantanti, si sono aggiudicati le preziose statuette di premi come gli Oscar, i Bafta o i Golden Globes, soprattutto per quanto riguarda le interpretazioni degli attori protagonisti, che con maestria riescono a imitare movenze, caratteristiche canore e parlata degli artisti che interpretano. È ad esempio candidato a diversi premi proprio quest’anno Rocketman, il film distribuito in Italia da 20th Century Fox e Paramount Pictures che racconta della scalata al successo di Elton John e la cui scoppiettante colonna sonora è stata registrata da Virgin EMI Record.

Altro film che per mesi è stato sulla bocca di tutti è Bohemian Rapsody, vincitore di quattro premi Oscar tra cui quello di miglior attore protagonista assegnato a Rami Malek. Film campione di incassi nel 2018, Bohemian Rapsody segue la vita di Freddie Mercury, già raccontata in libri come Freddie Mercury. Una biografia intima e Freddie Mercury. Chi vuole vivere per sempre? entrambi acquistabili su Mondadori, dal suo primo concerto fino alla morte.

Sia è aggiudicato nel 2005 l’Oscar come migliore attore Jamie Foxx per l’interpretazione in Ray del cantante e musicista non vedente Ray Charles, raccontando con sensibilità la sua vita costellata dalla disabilità e dalle lotte contro le segregazioni razziali. Charles fu un’esponente di spicco del mondo del jazz partire dagli anni cinquanta e produsse capolavori ancora oggi amati come I Got a Woman e Hit the Road Jack e canzoni riguardanti le sue passioni come quella dedicata al gioco di carte di origine francesi detto anche blackjack ventuno, uno dei più amati tra gli appassionati del settore: il Blackjack, nella cui omonima canzone ironizza sulla sua cecità e parla del suo amore per questo gioco.

Anche le cantanti donne hanno avuto la loro fetta di successo nel mondo di Hollywood. Recentemente si è aggiudicato diverse candidature a Golden Globe, Oscar e Critic’s Choice Awards la pellicola Florence, che racconta con delicatezza e ironia la storia di Florence Foster Jenkins, una cantante lirica, interpretata da Meryl Streep, dal dubbio talento. È invece tragica la storia raccontata in La Vie en Rose, film che valse il premio Oscar all’attrice protagonista Marion Cotillard. Il film racconta la vita della cantante francese Édith Piaf, costellata da amore, dolore e successo. Il titolo della pellicola si rifà a una delle più celebri canzoni della cantante che ha ispirato altre opere ed è stata citata in libri come Il bambino con il pigiama a righe edito da BUR e in serie tv come How I Met Your Mother.

Le storie dei cantanti italiani sul grande schermo

Seppur senza vincere Golden Globes o premi Oscar, anche l’Italia ha prodotto diversi film dedicati alla vita di alcuni cantanti nostrani, raccontandone gioie, dolori e successi. Questo trend è iniziato già negli anni ‘50 con la produzione di Enrico Caruso, leggenda di una voce, film del 1951 con Gina Lollobrigida ed Ermanno Randi che racconta la storia di uno dei più celebri tenori italiani.

Se si pensa a tragedia e passione nel mondo della musica italiana i primi a venire in mente sono Luigi Tenco e Dalida, uniti in una storia d’amore travagliata. La storia di quest’ultima, è stata raccontata in un lungometraggio del 2016, intitolato Dalida, che tra gli interpreti vanta Sveva Alviti, Riccardo Scamarcio e Alessandro Borghi. Il film venne trasmesso su Rai 1 ed è ancora oggi disponibile sulla piattaforma di streaming RaiPlay insieme a diversi documentari sulla coppia come l’approfondimento del programma Grande Amore dal titolo Dalida e Luigi Tenco.

Nel 2018 venne invece reso omaggio a quello che è forse il più grande cantautore italiano: Fabrizio De André. La pellicola Fabrizio De André-Principe Libero fu prodotta da Rai Fiction e distribuita da Nexo Digital e, dopo essere stata proiettata per due giorni al cinema, venne divisa in due parti e trasmessa su Rai 1. Nel film De André, interpretato da Luca Marinelli, vincitore di un David di Donatello per la sua performace in Lo chiamavano Jeeg Robot, ripensa al suo passato tramite una serie di flashback che permettono di ricostruire la sua storia dall’infanzia fino al 1979.

Con un cast internazionale e una produzione italo-francese ci fu in effetti una pellicola italiana candidata agli Oscar e vincitrice ai Golden Globes come miglior film straniero: Farinelli-Voce regina. Il film del 1994, con protagonista Stefano Dionisi, racconta la vita di Farinelli, uno dei cantanti lirici castrati più famosi del mondo le cui musiche possono essere ascoltate ancora oggi interpretate da cantanti moderni in CD come Farinelli. A portrait disponibili nello shop di LaFeltrinelli. Vista la grande difficoltà che un uomo adulto può avere nel riprodurre la voce di un castrato, le parti cantante vennero doppiate mixando la voce di un soprano e di un contro-tenore.

Come ogni artista che si rispetti anche i cantanti e i musicisti non posso avere vite noiose. Le loro vicissitudini, costellate da amore, passione e lacrime, sono perfette per essere raccontate sul grande schermo, diventando poi successi internazionali. Anche l’Italia non è da meno, raccontando con delicatezza e rispetto le storie dei musicisti che hanno segnato la storia artistica del Paese.
Foto di copertina Pixabay