O Mecanismo: tra i fan di Netflix cresce l’attesa per la terza serie

Si tratta di uno dei casi televisivi degli ultimi anni e ha raccolto un’enorme successo a livello locale e internazionale. O Mecanismo, la serie televisiva brasiliana che debuttò il 23 marzo del 2018 su Netflix con i primi 8 episodi seguiti da altri 8 usciti il 10 maggio del 2019, ha dimostrato al mondo che anche la cinematografia carioca può regalare grandi emozioni.

Del resto ultimamente le produzioni “latine” hanno avuto un ottimo riscontro di pubblico dovuto anche all’enorme diffusione della piattaforma digitale californiana da poco anche partner di Sky. Sulla scia degli straordinari numeri ottenuti dalla Casa di Carta sempre più utenti sono infatti attratti da questo tipo di produzioni.

Dietro al clamore mediatico suscitato da O Mecanismo c’è senz’altro il soggetto stesso della serie che ha avuto il merito di mettere sotto i riflettori alcuni punti oscuri del sistema politico brasiliano.

Ad aggiungere pepe all’intreccio che vede protagonisti i coraggiosi poliziotti ispirati da Marco Ruffo (Selton Mello) e guidati dall’ispettrice Verena Cardoni (Caroline Abras) c’è senz’altro la bravura del produttore, regista e sceneggiatore José Padilha (coadiuvato dalla sceneggiatrice Elena Soarez) che si era già fatto notare o meglio era esploso nel 2007 con il film cult sulle forze speciali di polizia brasiliane Tropa de Elite e che recentemente con i fasti di Narcos ha avuto la sua definitiva consacrazione.

La serie è basata sulle investigazioni dell’operazione Lava Jato (operazione Autolavaggio) che nel 2014 grazie alle rivelazioni di alcuni pentiti svelò un imponente giro di tangenti ultramiliardarie che coinvolgeva alti apparati dello stato e grandi capi d’industria, un caso che ha suscitato clamore e per il quale tutt’oggi si continua a discutere.

Nonostante gli intrighi e i continui colpi di scena la serie regala un privilegiato punto d’osservazione su uno dei paesi più belli e affascinanti del mondo non solo a livello paesaggistico e naturalistico. Tra le grandi città immortalate nella serie di José Padilha non solo la blasonata Rio de Janeiro con il celebre Cristo Redentore sul promontorio del Corcovado e le sue caotiche, pericolosissime ma ricche di vita favelas ma anche le meno conosciute Curitiba e San Paolo.

Proprio in quest’ultima città, rinomata per essere la più “italiana” del Brasile (si pensi che qui il Palmeiras, una delle squadre più rinomate del Brasile, venne fondato con il nome di Palestra Italia e che una delle attrattive culinarie più caratteristiche è il famoso Sanduíche de Mortadela, un panino stracolmo di mortadella e condito di provolone, maionese e mostarda) dal 3 al 5 dicembre prossimo si svolgerà una tappa di qualificazione ai prossimi mondiali di Hold’em, e chissà se il regista coglierà l’occasione di prendere spunto da questo evento per mettere sotto i riflettori uno dei tanti vezzi sportivi dei brasiliani.

Ad ogni modo i fan della serie dovranno attendere almeno fino a maggio prossimo (probabile data di uscita dei nuovi episodi non ancora ufficialmente confermata) per rivedere Verena e compagni ancora impegnati a combattere per il bene della nazione carioca.

Non si sa ancora con certezza se si farà una terza serie anche perché a livello qualitativo la serie avrebbe bisogno di avere qualche importante aggiustamento mentre resta ancora in bilico il lungo tira e molla tra il guru della polizia carioca Ruffo ed Ibrahim, il cattivo della serie ancora a piede libero che in molti vorrebbero vedere finalmente inchiodato alla sbarra per incontrare il giudizio di un collegio istruttorio severo.

Per Padilha insistere sulla più recente attualità brasiliana potrebbe essere sconveniente ed è anche per questo che quando è stato chiamato in causa dai giornalisti riguardo al possibile release ufficiale della terza serie non si è mai voluto sbilanciare evitando gaffe e polveroni mediatici inutili.

A quanto pare i fan della serie Netflix dovranno ancora cuocere parecchio nel loro brodo, sempre che alla fine esca veramente questo attesissimo e già super tormentato terzo capitolo della serie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *