La webstar Federico Santaiti pubblica il libro ‘Fatti i gatti tuoi’

Esce martedì 19 novembre, nelle principali librerie e in digitale, Fatti i gatti tuoi (Rizzoli, dal 7 novembre in preorder) libro di Federico Santaiti, webstar e pet influencer più seguito d’Italia. Conosciuto anche come il popolareGattaro del webin questa nuova avventura Santaiti accompagna il lettore nel mondo dei gatti tra aneddoti e bizzarre curiosità.

Sin da piccolissimo ho sempre amato leggere e scrivere e finalmente sono orgoglioso di presentare questo mio primo libro che ho scritto in prima persona. Fatti i gatti tuoi dichiara Federico Santaiti – esprime tutta l’ammirazione e la grande passione che mi lega all’universo felino ormai da anni.

Un amore incondizionato che motiva le mie giornate e che nel corso degli anni mi ha spinto sempre più ad addentrarmi nel mondo dei gatti per coglierne le mille colorate sfaccettature. Attraverso Fatti i gatti tuoi voglio contribuire a diffondere l’immagine allegra e positiva del gatto, un animale domestico che nel corso dei secoli è stato troppo spesso oggetto di crudeli ingiustizie e false dicerie e che invece si scopre essere un animale dalle mille doti e risorse”.

Attraverso i 7 capitoli che compongono il libro, sette proprio come le vite dei gatti, l’opera dopo aver raccontato la personale storia di Federico, il suo singolare percorso,  l’amore irresistibile per i gatti e l’incontro con l’inseparabile gatta Blacky,  entra nel vivo mostrandoci scorci di vita quotidiana senza dimenticare le tematiche che la webstar affronta nei suoi video come la convivenza con il gatto illustrata in modo ironico e leggero sino ai racconti e le leggende legate ai propri felini, tra storia, superstizione, cultura e luoghi comuni da sfatare.

Il libro, alla portati di tutti, diventa in alcuni casi anche una guida per imparare a conoscere meglio il nostro animale domestico e la sua quotidianità grazie a foto scattate direttamente dall’autore. E nella parte conclusiva del libro le risposte alle frequenti domande che spesso vengono sottoposte all’autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *