Call for Artists, Plastica d’A-mare: il primo Eco Festival #plasticfree al Porto Turistico di Roma

Arriva da Doc Live una Call for Artists rivolta ad artisti emergenti che vogliano cimentarsi con proposte innovative di riciclo artistico della plastica. Dalla video-arte al design, i partecipanti avranno la possibilità di esporre le proprie opere o di esibirsi con le proprie performance durante l’eco festival plastic free, Plastica d’A-mare dal 5 all’8 settembre al Porto Turistico di Roma.

La finale del contest è prevista sabato 7 settembre e al vincitore riceverà una borsa di studio di 1.000 euro. Durante la serata si esibirà anche la band Capone & Bungt Bangt, fondatori italiani della junk music e avrà luogo anche il live painting del celebre street artist Moby Dick.

Modalità di partecipazione e termini di consegna

Ecco i dettagli sulla Call for Artists diffusi dall’ufficio stampa (il regolamento è sul sito dedicato)

  • La call è aperta a tutti gli artisti di discipline eterogenee che propongono attraverso la loro arte un riutilizzo creativo della plastica. Condizioni necessarie per partecipare è aver compiuto la maggiore età ed essere domiciliati su tutto il territorio italiano;

 

  • Ogni candidato dovrà effettuare l’iscrizione e l’invio del materiale entro e non oltre le ore 24:00 (italiane) del 19 agosto 2019, compilando il form d’iscrizione online (www.plasticadamare.it);
  • Il candidato dovrà inoltre esprimere la propria liberatoria nel trattamento dei dati e dei materiali inviati. Il materiale entrerà a far parte dell’archivio dell’organizzazione del festival e sarà promosso durante il festival stesso (il modulo è disponibile sul sito);
  • Chiuse le iscrizioni, la giuria di qualità selezionerà i finalisti che entreranno di diritto nel cast della finale del contest che si terrà la sera di sabato 7 settembre al Porto Turistico di Roma.

Plastica d’A-mare è l’evento gratuito che vuole sensibilizzare un pubblico eterogeneo e di tutte le età rispetto all’impatto della plastica sugli ecosistemi marini. L’iniziativa è parte del programma dell’Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE.