‘Il Re Leone’: red carpet per Marco Mengoni a Hollywood, è lui la voce italiana di Simba

Appuntamento oltreoceano per Marco Mengoni, che martedì 9 luglio ha presenziato alla première mondiale de Il Re Leone in arrivo il 21 agosto nelle sale italiane. Il cantautore è stato invitato a Los Angeles come voce italiana di Simba – al suo fianco c’è Elisa per Nala – e ha condiviso il prestigioso red carpet con Beyoncé, Donald Glover, il regista Jon Favreau e gli altri membri del cast americano. Quindi, Mengoni ha assistito alla prima proiezione del live action Disney.

Ecco la CLIP VIDEO.

Ad annunciare questo importante impegno è stato lo stesso cantante, con un breve video pubblicato sui social domenica 7 luglio in cui intona al piano L’amore è nell’aria stasera, versione italiana del brano di Elton John Can You Feel The Love Tonight. Il tutto a pochi giorni dalla partenza, il prossimo 14 luglio, di Fuori Atlantico Tour una serie di speciali appuntamenti live alla scoperta della natura e delle bellezze italiane nel completo rispetto dell’ambiente.

87 pensieri su “‘Il Re Leone’: red carpet per Marco Mengoni a Hollywood, è lui la voce italiana di Simba

  1. Zin, certo che puoi chiedere cosa è successo al mio piede, te lo dico subito, anche perché in qualche modo ha relazione con quello che avrei dovuto fare domenica, se mi fosse venuto in mente di partecipare al concerto. E’ successo undici anni fa e proprio durante una camminata (forcella del passo Pordoi, per l’esattezza), ho pensato bene di cadere, procurandomi la frattura dei due malleoli e dell’astragalo del piede destro, mi hanno prelevato con l’elicottero ed è stato inevitabile l’intervento chirurgico e conseguenti applicazioni di viti, staffe, ecc. E’ andata meglio del previsto, perché l’operazione è stata fatta da un bravissimo chirurgo di lassù (e dire che i miei volevano riportarmi a casa, ma ho tenuto duro; vuoi che il 14 agosto a Firenze trovi un chirurgo con l’esperienza di questi abituati a rimettere a posto le articolazioni?? tra estate e periodo sciistico, si parlava di una ventina di interventi al giorno simili al mio). Da quel momento, il problema è che qualsiasi piccolo infortunio, tipo storta o, come in questo caso la mancata discesa di un ultimo scalino, provoca gonfiore e dolore, ma è la prima volta che devo stare ferma per un po’. Passerà anche questo, spero, io non mi arrendo quasi mai, pensa che due giorni dopo l’operazione, mi sono fatta portare a bordo del furgone, che con i miei cognati avevamo preso a noleggio e sono andata con loro sulla Marmolada, chiaramente fermandomi ad aspettarli al rifugio.
    Scusa se mi sono dilungata, ma è stato per metà uno sfogo e per metà la spiegazione del motivo per cui io non avrei mai potuto avere la possibilità di venire sul Monte Cucco.
    Marco è troppo simpatico e credo non avrebbe nessun problema ad andare davvero in viaggio di nozze con Elisa e suo marito, loro sono stati tra i primi a credere in lui ed aiutarlo agli inizi della carriera; queste situazioni creano confidenza reciproca. Aspetto come sempre tue notizie. Grazie
    Buonanotte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *