‘Love Me Stranger’: viaggio in quattro puntate su laF con Chiara Francini

[CS] Dopo il successo dello scorso anno di Love Me Gender sull’identità di genere, Chiara Francini intraprende un nuovo viaggio attraverso l’Italia alla scoperta di storie e relazioni ai tempi del multiculturalismo con Love Me Stranger, in onda da mercoledì 15 maggio 2019 alle ore 21.10 in prima tv assoluta su laF (Sky 135).

Sono 12 le storie che Chiara Francini affronta e racconta con sguardo aperto, curiosità e ironia nella produzione originale laF realizzata da Stand By Me: protagoniste coppie, famiglie e gruppi di amici e colleghi, protagoniste di relazioni multiculturali e multietniche, capaci di raccontare storie ed esempi di integrazione.

Per capire in modo più profondo ogni storia, Chiara Francini nel suo viaggio si affianca  a professionisti ed esperti che nella loro attività toccano con mano queste realtà: Alberto Mascena, terapista di coppia e presidente dell’associazione italiana coppie miste; Laura Tucceri, wedding planner; Don Steffano, prete di periferia che officia messa in varie lingue per farsi comprendere da tutti; Andres Upegui, chef e critico gastronomico; Paolo Gasparini, specialista in genetica delle popolazioni; Lauricella Ninotta, preside di una scuola multiculturale, la Pisacane di Roma; Gian Ettore Gassani, avvocato di coppie miste.

Simbolico il punto di partenza di ogni puntata, l’Osservatorio astronomico di Monte Porzio Catone (Roma), metafora di curiosità e di volontà di ricerca, luogo ideale per interrogarsi su cosa siano oggi i confini e su come affrontare l’ignoto, insieme a all’astrofisica e divulgatrice Elisa Nichelli.

“Con Love Me Stranger – racconta Chiara Francini – ho imparato a domandarmi se il termine straniero non sia diventata esso stesso una parola straniera e se la realtà e la nostra società siano ancora una volta molto più avanti di quello che pensiamo. Si dice che gli opposti si attraggono e cosa c’è di più opposto – in apparenza – di due persone che provengono da culture, lingue e paesi diversi?“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *