Marco Mengoni, fuori il singolo ‘Voglio’ tra luoghi comuni e contrasti TESTO

È in radio e digitale l’atteso nuovo singolo di Marco Mengoni, Voglio, che insieme a Buona Vita introduce l’album di inediti in arrivo il 30 novembre 2018. Dopo l’ascolto in anteprima ai fortunati vincitori del contest Musement e del concorso #MengoniPlaylist, ecco per tutti questo pezzo uptempo che mette in scena contrasti e dichiarazioni al vetriolo. Una coscienza matura che prende decisioni.

A firmare Voglio sono lo stesso Mengoni con Andrea Bonomo e Gianluigi Fazio. «Voglio gioca con il contrasto senza sfumature, con un tempo verbale che poche volte ho usato nella mia vita e qui viene ripetuto quasi a perdere valore e significato originario – spiega Marco – Questo pezzo prende ad esempio luoghi comuni, modi di dire e atteggiamenti di vita quotidiana che vengono ribaltati ed esasperati frase dopo frase, dove tutto è il contrario di tutto. Io e miei musicisti abbiamo lavorato in studio e l’arrangiamento è quindi istintivo e “sporco”, in un rimpallarsi veloce di battere e levare coerente con il contrasto che il pezzo stesso rappresenta

Marco Mengoni, Voglio: testo

Voglio

Voglio una moto veloce
Tutte le strade vuote
Voglio le caramelle
Da chi non mi conosce

Voglio ballare nudo
Baciare il mio nemico
Voglio girare a vuoto
Ed arrivare primo

Fare un rapina con le mani in alto
Stare male male tanto mi diverto
Dire a tutti quanti che domani parto
E poi rimango qui al check in

Mettere le scarpe sopra il tuo divano
Dire al vero amore che non era vero
Voglio avere voglia come un primitivo
Che tra vivo muoio

Voglio

Voglio una pelle nuova
Cuore da dinosauro
Voglio tutte le colpe
Ma fatemi un applauso

E voglio esagerare
Nuotare nella schiuma
Amarti come un cane
Con la luna piena

Voglio camminare sopra il cornicione
Dare degli ordini all’imperatore
Fare il giro del pianeta proprio come
Konyukhov con la BMX

Essere invitato oppure fuori posto
Premere con l’indice il pulsante rosso
Voglio avere voglia come un primitivo
Che tra luce e buio

Tra dormire e sveglio
Che tra vivo e muoio

Voglio
Voglio

La musica alta all’ora che voglio
Il giorno che dura il doppio

Voglio
Voglio