Fabio Rovazzi: dal 13 luglio il singolo ‘Faccio quello che voglio’ feat. Al Bano, Emma e Nek

[COMUNICATO STAMPA] Venerdì 13 luglio esce Faccio quello che voglio feat. Al Bano, Emma e Nek, nuovo attesissimo singolo di Fabio Rovazzi, eclettico comunicatore, scrittore e attore. #FQV entra a far parte della serie in musica cominciata con Volare e che si svilupperà ulteriormente in autunno con il terzo capitolo.

Se con il brano precedente Rovazzi riflette sul successo effimero della società ironizzando sull’utilizzo ossessivo dei social, con Faccio quello che voglio l’artista aggiunge un tassello al racconto attraverso una provocazione e una riflessione che nasce dall’esigenza di porre l’accento su modelli di riferimento e comportamenti sbagliati.

Si riparte da Gianni Morandi che svela a un Rovazzi in crisi creativa che la paura degli artisti è quella di perdere il proprio talento tanto da rivelargli l’esistenza di un caveau che custodisce la “pozione magica” in preziose pillole e boccette. E’ qui che scatta il piano diabolico… Rovazzi entra in banca e ruba le boccette contenenti il talento di alcuni artisti e si ritrova coinvolto in una rocambolesca fuga dalla polizia che lo insegue a sirene spiegate e che termina con un finale inaspettato.

Sono tre i grandi cantautori della musica italiana che affiancano Rovazzi nel brano: Al Bano, il The Voice italiano simbolo della nostra musica nel mondo; Emma, musicista dall’inconfondibile timbro vocale e inimitabile presenza scenica e il polistrumentista Nek, amatissimo per le sue doti artistiche e umane.

Oltre alla collaborazione di questi tre grandi nomi, sono molte le special guest che si sono appassionate alla storia scritta da Fabio Rovazzi e che hanno sposato il suo progetto prestandosi a girare il film, tra cui lo stesso Al Bano insieme a Gianni Morandi, Carlo Cracco, Eros Ramazzotti, Fabio Volo, Rita Pavone, Massimo Boldi, Flavio Briatore, Roberto Pedicini e Diletta Leotta.

Il brano è scritto e composto da Fabio Rovazzi con la collaborazione di Danti e Sissa (co-autori) e Simon Says (co-compositore).

Lascia un commento