Mario Biondi: nuove date live per il tour 2018, il calendario aggiornato

Si arricchisce di nuovi appuntamenti il tour 2018 di Mario Biondi che porterà l’artista sui palchi d’Italia e d’Europa a partire dalla stagione estiva per proseguire fino alla fine dell’anno. A pochi giorni dal concerto all’Indigo at The O2, si aggiungono, infatti, nuove date al Mario Biondi Tour 2018 (F&P Group); ecco il calendario aggiornato:

Ph. Cr.: Marcos Hermes

  • 16 giugno – Palmanova (UD)
  • 18 luglio – Tortona, Piazza Allende
  • 21 luglio – Perugia, Umbria Jazz (ospiti i Quintorigo, con l’Hypnotic Brass Ensemble e Nik West)
  • 24 novembre – Locarno, Palazzetto Fevi
  • 26 novembre – Bari, Teatro Petruzzelli
    (Primo Evento Straordinario della 77ª Stagione della Camerata Musicale Barese)
  • 3 dicembre – Napoli, Teatro Augusteo
  • 5 dicembre – Milano, Teatro degli Arcimboldi
  • 8 dicembre – Sanremo, Teatro Ariston di Sanremo
  • 10 dicembre – Varese, Teatro Openjobmetis
  • 12 dicembre – Torino, Teatro Colosseo
  • 13 dicembre – Firenze, Obihall
  • 15 dicembre – Parma, Teatro Regio
  • 19 dicembre – Padova, Gran Teatro Geox
  • 22 dicembre – Bologna, Europa Auditorium
  • 27 dicembre – Roma, Auditorium Parco della Musica / Sala Santa Cecilia

I biglietti sono disponibili in prevendita su Ticketone.it e nei punti vendita abituali.

65 pensieri su “Mario Biondi: nuove date live per il tour 2018, il calendario aggiornato

  1. A una settimana dal concerto di Funambulista a cui prenderà parte anche Marco la rivista spagnola Bemol ha pubblicato una lunga intervista al cantautore iberico. Vi riporto il link

    https://bemolmagazine.wordpress.com/2018/07/05/funambulista/

    e il passaggio in cui si parla nello specifico di Marco e della genesi della loro collaborazione nell’album “Dual”:

    “Hay una canción, Cosas Que no Quise Decirte, que al principio no iba a estar, pero que decidiste incluirla tras escuchar la voz de Marco Mengoni en la radio. Cuéntanos cómo surgió este dueto y por qué él era el artista que debía interpretar esta canción.

    F.: Exactamente. Yo no conocía de nada a Mengoni y de repente lo escuché por la radio y me llamó muchísimo la atención. De hecho, a la semana siguiente actuaba en Madrid en la sala Barceló y me fui a verlo. Al terminar el concierto, nos presentamos, hablamos, le “tiré también los tejos” y aceptó. Sinceramente, creo que Mengoni tiene todavía mucho recorrido en España y la gente tiene que terminar de conocerlo. Él en Italia es lo más y ha sabido demostrar esa humildad: cambiando de país, empezando desde abajo, tocando en pequeñas salas y volviéndose a ganar el público. Creo que a los artistas que hacen eso les ayuda a no olvidarse nunca de sus orígenes y demuestra mucha humildad por su parte”.

    Lo traduco, anche se ovviamente non assicuro la qualità di Moony 🙂 :

    “C’è una canzone, Cosas Que no Quise Decirte, che in origine non doveva esserci ma che hai deciso di includere dopo aver ascoltato la voce di Marco Mengoni alla radio. Raccontaci come è nato questo duetto e perché era lui l’artista che doveva interpretare questa canzone.

    F.: Esatto. Io non conoscevo affatto Mengoni e all’improvviso l’ho sentito alla radio e ha attirato moltissimo la mia attenzione. Di fatto, la settimana successiva si esibiva a Madrid nella sala Barceló e sono andato a vederlo. Alla fine del concerto ci siamo presentati, abbiamo parlato, “ci ho provato anche con lui” e ha accettato. Sinceramente, credo che Mengoni abbia ancora molta strada da fare in Spagna e che la gente debba finire di conoscerlo. Lui in Italia è il massimo e ha saputo dimostrare umiltà: cambiando paese, iniziando dal basso, suonando in piccole sale e tornando a conquistare il pubblico. Credo che ciò aiuti gli artisti che lo fanno a non dimenticarsi mai delle proprie origini e dimostri molta umiltà da parte loro”.

    Spero di aver tradotto bene le espressioni più particolari, ma il senso del discorso è questo 😀 .

Lascia un commento