«Ho imparato a respirare»: una nuova Emma Marrone nell’album ‘Essere qui’

Chi pensa che, avendo ascoltato il singolo L’isola, possa avere già un’idea del nuovo album di Emma Marrone, si sbaglia di grosso. O, almeno, un po’ ecco. Perché da una parte, è vero, la traccia mostra un’artista rinnovata, nei suoni e nella vocalità, ma si tratta solo di una assaggio microscopico dell’universo musicale che il progetto esplora.

Ed esplorare è quello che Emma ha messo in atto non solo sul piano artistico ma anche, e soprattutto, su quello personale. In questo senso Essere qui significa compiutezza, maturità, consapevolezza, arrivo e ripartenza: in una parola crescita.

Uscito per Universal Music venerdì 26 gennaio 2018, l’album della Marrone è il risultato di un lungo viaggio iniziato dopo Adesso e che ha avuto dalla sua un bene prezioso, ovvero il tempo.

È questo, infatti, il regalo che Emma si è fatta, concedendosi lo spazio necessario per mettere – e mettersi – a fuoco. E la musica è arrivata di conseguenza, come corollario della voglia di riscoprirsi più sicura mettendo al bando almeno una parte delle fragilità che fanno male.

Sono pazza di gioia, felice e orgogliosa di me e del lavoro che ho fatto oltre che delle persone che hanno collaborato con me”: così esordisce una Marrone emozionata davanti alla stampa.

La conferenza stampa di Emma Marrone

La sala è affollata, a comprovare le attese che ruotano attorno a questa pubblicazione in cui c’è tanto corpo e tanta anima. Con meno sovrastrutture, Emma percorre le vie a briglie sciolte, si muove, esce, “sente” se stessa e gli altri. Gli spazi si aprono fuori dalle mura per guardare in faccia il mondo con lo sguardo alto fino all’orizzonte. Partire, girare, uscire, guardare, incontrare.

E tutto deve, irrimediabilmente, iniziare dal sé: “Essere qui è un disco in cui mi racconto nella forma più onesta e sincera che conosco. – ha dichiarato l’artista – ma è anche un album che mi fa divertire. L’ho covato dentro per due anni, ci ho lavorato sodo seguendone ogni momento dall’inizio alla fine e l’ho visto cambiare tante volte.”

Per questo album mi sono presa tempo perché le cose mutano; anzi, quasi a disco chiuso, ho ricantato alcuni brani perché restasse per sempre la parte migliore di me, quella che ho accettato, perdonato e che forse non conoscevo prima. Sono felice di aprire questo nuovo capitolo della mia vita.

Così, nuova pagina, nuova storia: “Ogni traccia mi rappresenta perché, anche se racconto le vite di altre persone, non riesco a dissociarmi da quello che canto. – ha continuato la Marrone, spiegando le emozioni dell’oggi – Mi sento bene con me stessa e sono serena, faccio scelte a volte difficili a volte azzardate ma quello che conta è che siano le mie. Spero di non arrivare mai a fare questo mestiere per accontentare o accontentarmi.

Ph. Cr.: Kat Irlin

Certo, la fiducia conquistata non cancella tutte le insicurezze ma scalfisce l’armatura di difesa che ci si costruisce addosso. Quella stessa che Emma ha indossato sotto forma di una giacca di pelle o di un incedere sicuro di fronte agli altri. E sotto quegli strati, resta la vulnerabilità più preziosa con cui imparare a convivere per sorridere.

Ha continuato Emma: “A un certo punto ho sentito il bisogno di mettere il punto a delle lacune che mi porto dietro da tempo. Non ho mai scisso la parte artistica e umana e questo disco è il risultato anche di un percorso personale. Mi sono ascoltata e ho avuto bisogno di tempo per farlo; avevo un po’ messo da parte quello che io sentivo di me stessa e ascoltavo gli altri. A piccoli passi e con grandi sforzi mi sono lasciata andare e mi sono aperta. Sono in equilibrio e sono più luminosa.

Quel suo Essere qui, dunque, è molto più di un titolo arrivato leggendo un libro; ha una pienezza leggera che conforta, che sa di oggi e domani. È dire “Sono qui, esisto e sto facendo quello che mi piace. È un inno alla vita e a quello che faccio ma anche un ringraziamento.

Rubo con gli occhi la vita degli altri.

Per questo, anche musicalmente, quell’isola del primo singolo è solo una tappa di passaggio, ma certo di quelle che lasciano il segno. Lo spiega la stessa Emma in conferenza: “L’isola è stato il primo brano che ho ascoltato del disco ed è stato come se un raggio di luce mi spaccasse in due.

Non ho voluto tradire quell’emozione e la spinta che mi ha dato. Per questo motiva l’ho sputata fuori come primo singolo, nella sua sincerità. Per molti è stata una scelta azzardata, però credo che le classifiche non debbano condizionarci. Io sono contenta e, in grande onestà, rifarei tutto perché con quel brano mi sono riscoperta.

Essere qui: la tracklist, il tour instore e i live

L’album Essere qui è prodotto dalla stessa Emma insieme a Luca Mattioni e viene reso disponibile da venerdì 26 gennaio su etichetta Universal Music. A suonare le tracce sono illustri musicisti italiani e stranieri quali Paul Turner, Andrea Rigonat. Enrico “Ninja” Matta, Adriano Viterbini e Lorenzo Poli, oltre allo stesso produttore.

Tra gli autori, invece, ci sono tante conferme (Amara, Alessandra “Naskà” Merola, Giovanni Caccamo, Giulia Anania, Giuliano Sangiorgi e Roberto Angelini) ma anche tante nuove penne per la prima volta con Emma a partire da Federica Abbate e Davide Petrella. A questi aggiunge Emma che ha co-scritto Sorrido lo stesso.

Kat Irlin

Ecco la tracklist:

  1. L’isola
  2. Le ragazze come me
  3. Sottovoce
  4. Mi parli piano
  5. Effetto domino
  6. Le cose che penso
  7. Portami via da te
  8. Luna e l’altra
  9. Malelingue
  10. Sorrido lo stesso
  11. Coraggio

Dopo il tour instore per incontrare i fan, l’impegno sarà tutto per le nuove date live. Essere qui Tour (F&P Group) parte, infatti, il 16 maggio toccando i principali palasport italiani. Di seguito le date:

  • 16 maggioRoma, Pala Lottomatica
  • 18 maggioAssago (MI), Mediolanum Forum
  • 19 maggioTorino, Pala Alpitour
  • 21 maggioPadova, Kioene Arena
  • 23 maggioFirenze, Nelson Mandela Forum
  • 26 maggioAcireale (CT), Pal’Art Hotel
  • 28 maggioNapoli, Pala Partenope

I biglietti sono in prevendita online su Ticketone.it e, dalle ore 16.00 di lunedì 29 gennaio, sono acquistabili anche nei punti vendita tradizionali.