Questa volta è ‘Tutta colpa di Darwin’, dal 3 dicembre su Italia 1. Intervista ad Annalisa

Non c’è due senza tre. Dopo averci raccontato la scienza con Einstein e Galileo, Annalisa torna in tv su Italia 1 alla guida di un viaggio attraverso l’evoluzione umana sotto il vessillo di Darwin. Tutta colpa di Darwin (prodotto da DueB) – questo il titolo della nuova serie di pop science della rete Mediaset – è, quindi, l’appuntamento della seconda serata delle domeniche di dicembre (3, 10 e 17) che racconta la scienza e i suoi traguardi dalla preistoria alle tecnologie più avveniristiche.

La traiettoria percorsa da Annalisa parte dalla grotta di Chauvet (36.000 anni fa) all’estrazione del DNA, la robotica, l’automazione del futuro per approfondire temi che riguardano la coscienza umana e la tecnologia. Tanti gli incontri durante il viaggio, a partire da Roberto Vecchioni nella prima puntata, lo scienziato giapponese Hiroshi Ishiguro e Giusy Versace, ospiti della seconda puntata, e l’astronauta Paolo Nespoli.

«Tutto è iniziato tre anni da un video istituzionale – racconta Luca Berlusconi per DueB – quando ci siamo accorti delle tante, giovani, eccellenze italiane. Abbiamo pensato che questo poteva essere trasformato in una serie di documentari pop e abbiamo avuto l’intuizione di coinvolgere Annalisa nelle vesti di testimonial che percorre con noi questo viaggio.»

Le fa eco la protagonista: «È un’avventura che non smette di appassionarmi e questa volta, devo dire, che è stata particolarmente bella; il giusto terzo passo dopo i primi due degli anni precedenti. Ci sono state esperienze emotivamente molto coinvolgenti, come l’incontro con iCub, un cucciolo di Robot che simula un bambino di due anni di vita.

È stato incredibile, mi sono totalmente innamorata di lui! Ma è solo uno delle tante cose che abbiamo visto. Sono una vera nerd e poter vivere queste cose in prima persona per poi rendervene partecipi è per me una grande gioia e un grande onore», conclude Annalisa in conferenza stampa. Di seguito la nostra videointervista per saperne di più!

Appassionata di tecnologia e con una laurea in fisica in tasca, Annalisa non manca di aprire anche parentesi musicali durante le puntate di Tutta colpa di Darwin. A dimostrazione che arte e scienza possono andare d’accordo. E, allora, l’hashtag non può che essere #ANNALISAforFUTURE .

[amazon_link asins=’B0764F4FY6,B01EZAYKD8,883392257X,8873071872′ template=’ProductCarousel’ store=’musicaetv-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6b7b4226-d7bd-11e7-bf17-6927cb2096de’]