NON SOLO 25…: concerto solidale di Malika Ayane contro la violenza sulle donne. Tra gli ospiti Thomas e Paradiso

La Giornata Internazionale per l’eliminazione delle violenze sulle donne che si celebra il 25 novembre ma Malika Ayane ci invita a non abbassare mai la guardia. Da sempre sensibile a queste problematiche, l’artista ha ideato e organizzato una serata per sensibilizzare il pubblico sulla tematica degli abusi sulle donne: NON SOLO 25… in programma giovedì 16 novembre alle ore 21.00 al Teatro Nuovo di Piazza San Babila a Milano.

Il concerto vede alternarsi sul palco personaggi del mondo musicale e della comicità italiana, presentati dalla poliedrica cantautrice. Sono attesi i Boiler e Alessandro Betti, Brunori sas, Katia Follesa, Nuzzo Di Biase, Roy Paci, Tommaso Paradiso (TheGiornalisti), Thomas e i Wuz.

Durante la serata, patrocinata dal Comune di Milano, saranno letti alcuni brani di libri sulla tematica della violenza contro le donne e in particolare dal libro di Valentina Pitzalis, giovane è testimonial nelle scuole di FARE x BENE.

Il ricavato sarà interamente devoluto proprio ai progetti di assistenza e accoglienza psicologica e legale realizzati da FARE X BENE ONLUS nei confronti delle vittime di discriminazioni, abusi e violenze.

Biglietto posto unico da 20 a 30 euro + prevendita (platea) prevendite c/o il Teatro Nuovo dal lunedì al sabato dalle 10,00 alle 19,00 prenotazioni@teatronuovo.it Info Line 02 7940 26 www.ticketone.it

ALCUNI DATI

Nel 2006 l’Istat stimava in 6 milioni 743 mila le donne da 16 a 70 anni vittime di violenza fisica o sessuale nel corso della vita. Nel 2010, l’Istat ha presentato una nuova ricerca sulle molestie e ai ricatti sessuali subiti dalle donne nel corso della vita e siamo passati a 10 milioni 485 mila donne che hanno subito nell’arco della loro vita abusi e violenze verbali, fisiche e sessuali, praticamente 1 donna su 2.

Il 25 novembre si celebra la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, indetta dall’ONU nel 1999, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema degli abusi sulle donne. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio del 1960 delle tre sorelle Mirabal considerate esempio di donne rivoluzionarie per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime del dittatore Trujillo che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

Lascia un commento