Sponz Fest 2017: dal 21 al 27 agosto il festival “All’Incontre’ Я” di Vinicio Capossela

È in programma dal 21 al 27 agosto a Calitri (Av) e in Alta Irpinia la quinta edizione dello Sponz Fest, la manifestazione ideata e diretta da Vinicio Capossela che prevede performance di musica, danza e teatro, ma anche momenti dedicati alla letteratura, al cinema e alle degustazioni enogastronomiche. Quella del 2017 è un’edizione del tutto speciale, anzi rivoluzionaria, così come il centenario della Rivoluzione Russa avvalla; non a caso, il sottotitolo tematico dell’anno è All’Incontre’ Я – Rivoluzioni e mondi al Яovescio.

sponz

Alla base, infatti, c’è la volontà di sperimentare il rovesciamento del mondo, avendo come vessillo quel «grido di battaglia delle quadriglie comandate da sposalizio dell’Alta Irpinia. – racconta Capossela – Nel momento culminante del rito dionisiaco della fertilità, quando altro non si può fare per aumentare l’euforia, il Dio della dissipazione – che fa cadere “sponzati come baccalà” – ordina l’insensato: cambiare il giro di danza. […] l’ordine capriccioso, che rompe l’ordine e crea nuovo disordine, che rinnova la vitalità, il ri–Creo (nuova creazione del mondo)… e così si urla: “Contrè!!! Girè!!! All’incontrè”. Ma siccome la lettera eRRe in queste lingue ispide, forgiate con la zappa, sostituisce vocali e aggettivi, ecco che all’esortazione si aggiunge anche la erre finale

Sta tutta in queste righe l’anima del festival 2017, tra desiderio di provocazione, voglia di tentare ciò che sembra irragionevole e agire contromano come la lettera palindroma invita a fare. L’invito è, dunque, “a porsi dalla parte “altra” dell’abitudine e ribaltare, così, i punti di vista “per creare un momento di resistenza a un mondo che va sempre più irrigidendosi nelle visioni”, come scrive Capossela.

sponz2

E la sperimentazione “all’incontré’Я” parte proprio dalla struttura stessa della manifestazione, con un programma che parte con l’evento di chiusura il secondo giorno per scorrere a quello di apertura l’ultimo giorno, con una giornata di “riposo”, in cui non succederà nulla, secondo un tempo “in senso inverso” come cita il titolo di un romanzo di P.K. Dick.

Ricco il calendario dello Sponz Fest 2017 con un densissimo programma di eventi e incontri (tra i primi nomi confermati Georgos XilourisJim White, Massimo Zamboni, Dobranoitch, Gianluca Farinelli, Federico Maria Sardelli e, ancora, gli artisti Michele Mariano, Michele Giangrande e Andrea D’Amore) oltre alla novità annuale del ciclo denominato Libera Università dei Ripetenti, con, tra gli altri, Erri De Luca, Riccardo Noury, Ore Dario Deotto e Luca Lombroso. Tutti gli aggiornamenti e le info utili al sito ufficiale e sui profili social.

La grande Notte del Tamburo vedrà alternarsi nel centro storico di Calitri imbandito come uno sposalizio, le tammorriate dell’area partenopea, le tarantelle di Tricarico e la “tarantatrance” di Antonio Infantino che insieme a Vinicio Capossela renderà omaggio a Enzo Del Re. Ma la celebrazione più alta del rovesciamento auspicato si realizza, poi, con la Festa de Folli nell’Abbazia del Goletoche ospita il concerto medioevale di Giovannangelo De Gennaro per celebrare il gran rovesciamento in cui gli ultimi saranno i primi.

«Trascorrere una settimana insieme per costruire un mondo al rovescio, e quindi finalmente un po’ più giusto secondo natura, può essere un atto rivoluzionario ed è quello che ci e vi proponiamo. – si augura Capossela – Fare della necessità un balocco. Fare della morte vita. Sponzarci, imbevuti di nuovo sapere, fino alla fine dell’ultimo giorno, e che, una volta usciti da questa settimana di ri-creazione, sia davvero un nuovo inizio. Partiamo dalla fine e arriviamo all’inizio. Ecco, vi aspettiamo dalla fine.»