Rai all’insegna della «completezza, varietà e complessità dell’offerta». Presentati i palinsesti tra informazione e intrattenimento

È stata l’Università Statale di Milano – “simbolo di bellezza e cultura di cui la Rai fa parte”, secondo le parole del Direttore Generale Mario Orfeo – a ospitare la presentazione dei palinsesti dell’azienda televisiva pubblica per l’autunno 2017.  Introdotti dai direttori di rete e rappresentati dai rispettivi volti noti, Rai 1, Rai 2, Rai 3 e Rai 4 hanno messo sul piatto la proposta per i prossimi mesi che vede (tante) conferme, (qualche) cambio di timone e (una manciata di) novità in termini di debutti.

La soddisfazione per la stagione in chiusura anima il discorso di Orfeo che rilancia sul futuro: «Siamo la prima azienda per offerta di contenuti e vogliamo dare un’identità definita alle nostre reti. Davanti a ogni polemica difendo la scelta della Rai di non voler perdere i nostri talenti, anzi di puntare a moltiplicare il valore di questi talenti perché perdere alcuni di questi (come qualche settimana fa sembrava poter succedere) sarebbe stata un danno grave per noi e per il paese [leggasi il caso Fabio Fazio, ndr]. È anche con loro che vogliamo costruire la nostra offerta.»

palinsesti rai

Il Direttore Generale RAI Mario Orfeo alla presentazione dei Palinsesti autunnali 2017

Con queste prime parole viene subito toccato il capitolo spinoso sui rinnovi di contratto e sui tetti agli stipendi, discussi poi più nello specifico nell’intervento di Fabio Fazio a margine della presentazione alla stampa. Tra questioni affettive e crescita professionale, infatti, il conduttore ha detto a chiare lettere di aver voluto tenere aperta la porta della permanenza in mamma Rai fino alla fine, e di aver accolto la proposta giuntagli il 22 giugno con grande favore. «L’azienda non è certo ingenua, avrà fatto i suoi conti», chiosa Fazio che aggiunge con amarezza di aver subito un’inusuale violenza verbale anche da parte delle istituzioni.

Tre sono i termini centrali su cui il Direttore Orfeo torna più volte: completezza, varietà e complessità dell’offerta. «Tra i nostri obiettivi attuali c’è la diversificazione dell’offerta, per esempio attraverso la fiction, che sarà ricca, con produzioni internazionali e con un forte impegno civile. Intendiamo raccontare la bellezza con una tecnologia all’avanguardia per mostrare le opere che tutto il mondo ci invidia.»

Ecco allora il nuovo motto dell’azienda, sempre dalle parole del DG: «Il proposito è parlare a tutti, dalle aree locali ai temi generali. La Rai deve essere un baluardo a di fronte a ciò che accade nel mondo e lo sforzo di capire e spiegare è sempre maggiore affinché chi ci ascolta possa farsi un’idea propria sui fatti ma su basi solide, vere. 

È fondamentale, quindi, Importante rafforzare rapporto tra le reti e le testate giornalistiche; per questo intendiamo allontanarci dalla spettacolarizzazione della cronaca e della politica, abbattendo certe barriere per una visione completa e plurale dell’Italia e del mondo. Vogliamo un’informazione di qualità: l’informazione è una cosa seria che non sa né con le urla né facendo spettacolo». Che sia un riferimento a un certo tipo di talk show sull’attualità è evidente, ma forse non è così velato l’aggancio alla scelta di chiudere L’Arena di Giletti, del quale peraltro  non viene fatto mai spontaneamente il nome se non per assicurare che la porta della rai è aperta (al torinese sono state offerte cinque prime serate di argomento musicale). Staremo a vedere

Rai Uno: novità e conferme

A introdurre gli highlights dell’ammiraglia è il Direttore Andrea Fabiano che afferma: «Rai Uno è informazione, intrattenimento, servizio, approfondimento, cultura e impegno solidale». Tra le conferme si parte con UnoMattina (con Franco Di Mare e Benedetta Rinaldi), Storie Vere che diventa Storie Italiane (con Eleonora Daniele), Buono a sapersi (con Elisa Isoardi) e La prova del cuoco con Antonella Clerici, cui spettano anche alcune prime serate.

Per la fascia pomeridiana torna La vita in diretta condotta da Marco Liorni e Francesca Fialdini che sostituisce Cristina Parodi alla guida di Domenica In; ed è proprio la fascia pomeridiana a regalare la prima novità, quella del quiz Zero e lode, con protagonista un campione d’italiani chiamati a rispondere in maniera non scontata a una serie di domande.

Il fortunato preserale L’eredità rinnova, poi, il sodalizio con Fabrizio Frizzi mentre in access prime time arrivano I soliti ignoti con Amadeus (in temporanea vacanza, invece, Affari tuoi); la prima serata vede poi Alberto Angela, alla guida di Passaggio a Nord Ovest oltre che protagonista di un progetto di divulgazione internazionale mentre per Fazio – di cui sopra – doppio impegno settimanale con Che tempo che fa la domenica in prima serata e il lunedì in seconda serata.

palinsesti rai

il Direttore di Rai Uno Andrea Fabiano

Punta di diamante della rete è l’assente del giorno Carlo Conti, coinvolto ancora una volta alla conduzione di Tale e Quale Show ma anche alla direzione artistica dei festeggiamenti per i 60 anni dello Zecchino d’Oro; per Conti in arrivo anche due serate-evento all’Arena di Verona per celebrare il Maestro Luciano Pavarotti. A Fiorella Mannoia, grande new entry, viene affidato il programma 1, 2, 3, Fiorella (da settembre), la campionessa Bebe Vio conduce La vita è una figata mentre Niccolò Agliardi racconterà le storie di persone comuni in un nuovo format; atteso anche il ritorno di Roberto Bolle per una nuova prima serata.

Capitolo fiction: in onda le nuove serie di Provaci ancora Prof, Il Paradiso delle Signore, È arrivata la felicità 2, Sotto copertura e al via anche nuovi titoli – Scomparsa, La strada di casa, Sirene, e In arte Nino con Elio Germano –. Ma la grande attesa è tutta per il nuovissimo fantasy ambientato a Napoli che vedrà protagonisti Luca Argentero e Michele Morrone Nulla di più è stato svelato.

Rai Due: fedeli al cambiamento

Il Direttore di Rai Due Ilaria Dallatana racconta i palinsesti della seconda rete all’insegna della legge “fedeli al cambiamento”. In primo luogo viene annunciato il ritorno di Indietro tutta di Renzo Arbore in occasione dei 30 anni della storica trasmissione, mentre è più fresca ma già riconfermata Stasera Casa Mika, con quattro nuove prime serate; Costantino della Gherardesca ancora una volta conduce Pechino Express ma sarà anche pioniere di un nuovo show.

palinsesti rai

Il Direttore di Rai Due Ilaria Dallatana

In palinsesto anche Detto Fatto con Caterina Balivo, Sbandati con Gigi e Ross, Stasera tutto è possibile con Amadeus, Il collegio, Quelli che il calcio con Luca & Paolo (coinvolti anche in Camera Cafè), Nemo con Valentina Petrini e Enrico Lucci oltre all’amato Ispettore Coliandro. Debutto, invece, sempre su Rai Due per Ci vediamo in tribunale e la fiction Il cacciatore.

Rai Tre: focus sul racconto del reale

Daria Bignardi coglie la sfida di un inizio programmazione che intende puntare sulla vocazione di Rai Tre per il racconto della realtà, dalla mattina con Agorà affidato a Gerardo Greco alla serata con Le parole della settimana di Massimo Gramellini con Geppi Cucciari e Storie Maledette con Franca Leosini (accolta con un’ovazione dai presenti). Sulla terza rete è atteso poi il ritorno di Michele Santoro, così come quello di Camila Raznovich ne Alle falde del Kilimangiaro e di Gad Lerner, mentre Brunori Sas sarà coinvolto in un programma di cui sarà voce narrante.

palinsesti rai

Il Direttore di Rai Tre Daria Bignardi

Immancabili Report, Presa diretta, Chi l’ha visto e gli appuntamenti del sabato con Ulisse condotto da Alberto Angela; la domenica sera, infine, è affidata alla docufiction Linea verticale con Valerio Mastandrea che riceve il pesante testimone di Fabio Fazio.

Rai Cinque: palinsesto dedicato a web, social e giovani

La rete giovane di casa Rai, diretta da Angelo Teodoli, conferma l’aspirazione alla contemporaneità con un assetto che mette al centro il web e i social.  Premiato dagli ascolti torna Kudos condotto dalla webstar Leonardo De Carli con Giulia Arena mentre il duo The Show Is You debutta con una nuova prima serata (Social House) dedicata ai social. Rai Quattro propone, inoltre, svariate serie tv in prima visione – sia per il serale sia nel daytime –, a partire da The Exorcist fino a Il trono di spade VI, Vikings e Criminal Minds passando per la seconda stagione di Gomorra.