L’Europa saluta il ‘Mengoni Live 2016’, tour dei record con cui Marco corona due anni in musica

Non c’è stato concerto che, in Italia o all’estero, non abbia portato il nome di Marco Mengoni a dominare sui social, protagonista di una valanga di tweet, post, status, commenti e immagini legate dal fil rouge del Mengoni Live 2016. Perché l’esercito del cantautore di Ronciglione è fatto così: quando si mobilita lo fa per bene, in massa, con grandi numeri, certo, ma soprattutto con il cuore. E questo cuore ha battuto assai nelle ultime settimane quando l’artista ha calcato i palcoscenici del vecchio continente per il suo primo tour europeo.

Qualche dato? I post dedicati al #MengoniLive hanno raggiunto 46.600.000 persone su Facebook mentre il popolo di Twitter ha interagito più di 380.000 volte usando l’hashtag ufficiale in  oltre 600.000 tweet; e sono state 47 le volte in cui gli hashtag dedicati all’artista sono entrati nei Trending Topics con un picco record di quattro hashtag contemporaneamente nella Top 20 di Twitter. Dati importanti anche da Instagram, dove il racconto fotografico collettivo all’insegna de #IlMioMengoniLive conta finora oltre 65.000 card.

La produzione internazionale Live Nation ha reso possibile l’allestimento di uno spettacolo con oltre 20 brani e quasi 2 ore e mezza di live show, che ha viaggiato in lungo e in largo attraversando tutte le stagioni, dalla primavera 2015 a dicembre 2016 chiudendo in quel di Varsavia. Così, Marco Mengoni può contare in calendario 50 date complessive nelle quali si è esibito davanti a 350mila persone, inanellando un sold out dopo l’altro.

Due anni discografici ai vertici vengono coronati, infine, da ben 21 dischi di platino tra album e singoli per il (triplo) progetto che l’artista ha presentato negli ultimi 24 mesi (Parole in circolo, Le cose che non ho, Marco Mengoni Live – tutti per Sony Music). Ma per coloro che già ne sentono la mancanza c’è un ultimo appiglio: Marco dà, infatti appuntamento a Firenze il 31 dicembre per un super concerto con cui salutare il 2016 e accogliere un 2017 pieno di nuove idee. Sai che l’esercito è sempre pronto a correre? Valigia in mano per il prossimo palco.

1.152 pensieri su “L’Europa saluta il ‘Mengoni Live 2016’, tour dei record con cui Marco corona due anni in musica

  1. Buon pomeriggio, buona domenica e buona Festa del Papà a tutti 🙂
    @Zin, hai fatto bene a precisare che Marco non sia stato premiato durante la serata-evento di Cadena Dial; e ti dirò che, dal mio punto di vista, il fatto che sia stato invitato(essendo inoltre L’UNICO artista non madrelingua spagnolo tra tutti coloro che erano presenti)come ospite e senza il “pretesto obbligato” di un premio, ha conferito ancora più valore ed importanza alla sua partecipazione e credo si possa considerare una vera e propria vittoria nell’ambito del percorso promozionale in terra iberica, anche in mancanza di un trofeo materiale da portare a casa 🙂

    E a proposito dei Premi Dial, la sempre solerte Desiree qualche ora fa ci ha informati dalla BU che la cerimonia di gala è stata trasmessa proprio stamattina in differita sul canale televisivo spagnolo Telecinco(che equivale al nostro Canale 5).
    Quindi, una gran bella occasione di visibilità per Marco sulla tv generalista del Paese iberico 🙂

  2. Ah, dimenticavo: anche il mio cuore ha mancato un battito nel vedere Marco scendere dall’auto all’arrivo sul Green Carpet dei Premi Dial…e lo ha mancato pure mentre lo guardavo dirigersi verso gli speaker con il passo leggermente dinoccolato che ha quando è teso ed emozionato, o nel momento in cui ha iniziato a parlare durante l’intervista, o ancora quando sul suo volto si è aperto il primo sorriso…ne ha mancati tanti di battiti il mio cuore nel corso di quei minuti lì…ogni volta che rivedo Marco dopo un certo periodo di assenza provo ad auto-convincermi di essere pronta e “controllata”, per poi scoprire invece che non lo sono affatto, e che bastano anche solo una sua espressione, un gesto o una parola per emozionarmi profondamente.

Lascia un commento