‘Kid’s Got Talent’, preparate patatine e pop corn: dall’11 dicembre la festa è su TV8 con Claudio Bisio e Lodovica Comello

Anche Got Talent ha il suo spin off. Va, infatti, in onda in prima serata da domenica 11 dicembre su TV8 Kid’s Got Talent, produzione originale Made in Italy destinata a essere esportata anche fuori dai confini nazionali. A condurre lo show, tra performance curiose e siparietti divertenti, è la coppia formata da Claudio Bisio e Lodovica Comello: al primo è assegnato il compito di interagire coi bambini sul palco mettendosi al loro servizio nel racconto delle loro storie e della loro imprevedibilità; la seconda, invece, accoglie i giovani performer nella holding room.

E l’attesa nel dietro le quinte con Lodovica promette divertimento tanto quanto l’esibizione sul palco, grazie a una vera sala giochi allestita per intrattenere i protagonisti e spiata dagli occhi indiscreti delle telecamere per cogliere tutti i movimenti e le parole dei bimbi. Cifra fondamentale per lo spirito dello show è la totale assenza di gara per i talenti in erba, con un ribaltamento dei meccanismi abituali tale per cui a essere giudicato è il conduttore. Sempre la Comello, infatti, ha il compito di gestire ben tre opinionisti (Lorenzo, Carlotta e Francesco), i quali commentano ogni puntata esprimendo, a fine serata, un giudizio su Claudio Bisio.

«Sarà una festa. – ha dichiarato in conferenza stampa Eugenio Bonacci, direttore generale contenuti di FremantleMedia – Al centro ci sono i bambini, protagonisti sia come pubblico sia sul palco, e per questo abbiamo voluto creare uno spazio senza il meccanismo di gara. Il programma è pensato su misura per l’Italia e la scelta dei conduttori è caduta naturalmente su Bisio e Comello. In Claudio abbiamo trovato un giudice particolare nel rapporto coi bimbi e quel rapporto è alla base anche degli interventi cuciti su di lui in Kid’s Got Talent; riesce a creare un rapporto non retorico, immediato e provocatorio con i più piccoli e ci è sembrato giusto che la gara idealmente fosse proprio su di lui, giudicato da piccoli opinionisti. Infine, pensiamo che Lodovica sia il talento femminile più fresco del momento in Italia; è una scoperta continua.»

kid's got talent

Gli fa eco Claudio Bisio, che racconta: «Sono un spugna, oltre che una persona curiosa; alle spalle c’è stato un grande lavoro di redazione e autoriale. Il primo giorno di registrazione, non facendo Zelig da quattro anni, mi sono ritrovato come in un flashback e devo dire che la grande differenza è stata che, appena entrato il primo bambino, ho capito subito che sarebbe stata un’improvvisazione continua. È molto diverso da Italia’s Got Talent, perché per ogni bambino abbiamo costruito un copione preciso ma, poi, alla terza domanda appallottolavo tutto quello che era stato scritto e il bambino partiva col suo discorso…È stato tutto assolutamente imprevedibile e questo ha richiesto un’attenzione costante: dovevo essere, come uno del pubblico, che ascolta con interesse e curiosità ma senza retorica. E intanto sentivo i bimbi della holding che mi distruggevano con i loro commenti! Nessun contatto, invece, coi genitori, che stavano in platea, anzi l’unico contatto è con le mamme che sento in chat… Scherzo eh (sorride sornione, ndr)!»

Età compresa tra i 4 e gli 11 anni, un talento da portare al pubblico – che siano abilità di magiche o atletiche, agilità di ballerini o competenze scientifiche – e soprattutto la spontaneità dell’infanzia: sono questi gli ingredienti delle quattro puntate di Kid’s Got Talent che i presentatori devono enfatizzare. Racconta Lodovica: «Sono stata nelle case dei bambini per conoscerli meglio, direttamente nelle loro camerette, e ho parlato con amici e familiari. È stato tutto divertente e stare nella holding room mi ha fatto scoprire che l’energia dei bambini è tanta e noi non abbiamo più l’età! Giocano, litigano, si innamorano, zero ansia di salire sul palco.kid's got talent logo

E poi ci sono gli opinionisti che hanno mangiato patatine e pop corn dall’inizio alla fine! Sono fantastici! Ci sono Carlotta, che ha perso un dentino in diretta, Francesco, il più grande entrato nella parte molto seriamente, e Lorenzo, il più birichino. Qualche curiosità? Personalmente ricordo l’esperienza con il cerchio aereo: mi sono messa in gioco con una piccola circense; in confronto a lei e alla sua naturalezza io ero un elefante!»

Durante ogni puntata, infine, tanti ospiti d’eccezione che accompagnano i giovanissimi protagonisti sul palco, contagiati dall’entusiasmo della performance. Sono attesi, in rigoroso ordine alfabetico: Beppe Bergomi, Alessandro Cattelan, Raul Cremona, Costantino Della Gherardesca, Ficarra e Picone, Carla Fracci, Giuseppe Giacobazzi, Frank Matano, Christian Meyer di Elio e le Storie Tese, Sergio Sylvestre e Gianluca Vialli. Il programma è firmato da Claudio Bisio, Martino Clericetti, Celeste Laudisio, Marco Terenzi, Svevo Tognanini, Paola Vedani, scritto con Raffaele Bleve, Marco Curti, Antonio Vicaretti. Regia di Cristiano D’Alisera.
L’appuntamento, dunque, con il nuovo show prodotto da FremantleMedia Italia, è da domenica 11 dicembre per quattro serate su TV8 a partire dalle 21:15. Media partner Radio Italia.