Groovin’: per Giuliano Palma un nuovo album di cover. «Con la mia musica contagio il pubblico»

Il primo giorno di luglio fa rima con Groovin’: è questo, infatti, il titolo dell’album in uscita firmato dallo swing man italiano Giuliano Palma, che torna sulle scene con un progetto solista anticipato dal singolo Bada Bing di Cris Cab. Le tredici tracce prodotte e arrangiate dallo stesso interprete insieme a Fabrizio Ferraguzzo e Riccardo Di Paola sono dedicate al maestro Carlo Ubaldo Rossi e rileggono grandi classici della tradizione internazionale.

Hit di oggi e di ieri acquistano una veste rinnovata grazia alla voce coinvolgente di Palma che ha voluto coinvolgere anche altri illustri colleghi in questo progetto: nella promettente (e la promessa è ben mantenuta) tracklist compaiono artisti quali Fabri Fibra (per Splendida Giornata di Vasco Rossi, Clementino (in I Say I’ sto cca di Pino Daniele), Chiara (per Don’t Go Breaking My Heart di Elton John). Nell’album troviamo anche l’inedito Un pazzo come me scritto con David Florio e il singolo che ha fatto da apripista a Groovin’, ennesima collaborazione di prestigio che vede Palma al fianco dello statunitense Cris Cab, autore della hit Liar Liar.

palmaGiuliano, in questa estate 2016 torna con disco di cover: come è nato il progetto?
Ritorno alle cover, dopo un album di inediti, perché è un gioco che mi piace molto e si addice a un certo momento della mia vita, professionale e personale. Come si evince anche dalla tracklist balzo agli Anni Sessanta e Settanta, alle canzoni dell’infanzia, quelle ascoltate in famiglia da bambino. Ma ci sono anche pezzi della mia adolescenza e poi c’è Vasco! Nel 1990 aprii il suo concerto a San Siro insieme ai Casino Royale, quindi con la cover di Splendida Giornata torno ad abbracciare Vasco anche se non fisicamente: in fondo, è anche un bell’augurio per tutti, soprattutto in questi tempi. Poi, lo ammetto, torno alle cover anche per pigrizia!

Come ha scelto i brani da inserire in Grooving’?
Li ho scelti io. Certo mi hanno anche consigliato ma se io non sento la canzone non posso neanche cantarla.

Il disco presenta una dedica molto personale…
Ho dedicato questo lavoro a Carlo U. Rossi, col quale ho lavorato per anni. La sua perdita è stata uno strazio e ha cambiato tanti assetti; in qualche modo avevo bisogno quasi di esorcizzare il tutto. L’album nasce da un percorso travagliato e ha portato con sé un modo diverso di lavorare, ma ora sono assolutamente soddisfatto del lavoro anche grazie a un team nuovo e una band di grandi professionisti.

In che senso è cambiato il suo modo di lavorare? Come ha affrontato tale cambiamento?
Non nego che all’inizio ero perplesso, mi sembrava strano non stare sempre in studio a controllare ogni cosa; ma già al secondo ascolto ho capito che potevo fidarmi, anzi è stato bello affidarmi agli altri e lasciar fare a dei professionisti. C’è stato un gran bel lavoro.

Qual è lo spirito che comunica in questo disco?
È dichiarato fin dal titolo dell’album: Groovin’ non è solo una canzone ma è qualcosa che ho dentro. Prendo la musica con ironia per contagiare gli altri e divertire. E il groove c’è anche nella copertina in cui compaiono persone che rappresentano quelli che si sono distratti, che si sono girati dall’altra parte e sono rimasti alle spalle. In fondo sono anche le delusioni. E in questo c’è il groove.

GIULIANO PALMAIn Groovin’ troviamo diverse, e inedite, collaborazioni: ci sono Fabri Fibra, Clementino e Chiara. Ce le racconta?
Da sempre mi piace unire un certo stile vintage negli arrangiamenti con sonorità di oggi e nel fare questo ho scelto professionisti di primo livello. Fabri Fibra ha permesso un incontro speciale tra rap e reggae nel pezzo di Vasco mentre per quanto riguarda Clementino l’ho chiamato perché ci conosciamo (è stato compagno di alcune scorribande!). Non potevo, poi, non mettere in questo lavoro una traccia di Pino Daniele: la scelta è caduta su I Say I’ sto cca che avevo proposto sul palco di Sanremo. Clementino ha davvero spaccato in questo pezzo terzinato.

E di Chiara cosa ci dice?
Siamo della stessa scuderia di management e credo sia bravissima. Mi sembrava perfetta per Don’t Go Breaking My Heart di Elton John. Per la verità canta benissimo qualsiasi cosa!

Tiene particolarmente alla cover di You’ll Never Walk Alone: come mai?
La motivazione è legata al calcio, che seguo parecchio. Quando la squadra del Liverpool scende in campo, i suoi supporter cantano all’unisono questo pezzo e nella mia versione reggaeggiante ho inserito, a un certo punto, anche un coro di tifosi. Mi piace un sacco! Però non dimentichiamo Alleluja! tutti jazzisti! Disney è Disney e adoro gli Aristogatti. Per questo, quando mi proposero di cantare quel brano che volevano fare tutti, è stato molto divertente.

Passiamo ai due inediti: come si inseriscono in questo lavoro?
Direi che la canzone Un pazzo come me è abbastanza eloquente già dal titolo (ride, ndr)! Un pazzo non si cambia e, anche se sembra descrivere quasi un cliché del musicista, in verità la traccia vuole essere divertente e parlare con ironia della mancanza di equilibrio dell’artista. Poi c’è Bada Bing, il brano di Cris Cab che mi ha proposto la discografica. Da questa collaborazione è uscito un pezzo moderno e reggaeggiante: niente male. Il fatto che sia la prima traccia dell’album non è stata una mia scelta, anzi la proposta mi ha anche stupito. Mi sono chiesto “Perché?” ma poi, subito dopo, mi sono detto “Perché no?”. È qualcosa di diverso dal solito, che può dare un respiro un po’ internazionale.

Quali sono programmi per l’estate?
Ora mi voglio godere questo momento: sono in tour e sono soddisfatto dello show che sto portando in giro per l’Italia.

GIULIANO PALMA0470colorresizeQuesta la tracklist: 1. Bada Bing, 2. Splendida Giornata, 3. Eternità, 4. You’ll Never Walk Alone, 5. Un pazzo come me, 6. I Say I’ sto cca, 7. Gli occhi verdi dell’amore, 8. Qui e là, 9. Don’t Go Breaking My Heart, 10. Groovin’, 11. Canzone, 12. Alleluja! Tutti jazzisti, 13. I’m in the Mood for Love.

L’artista, nel frattempo, sta già calcando i palchi italiani con date in tutta Italia del suo Groovin’ Tour; ecco le prossime date estive: 1 luglioTorino; 23 luglioPalmanova (UD); 10 agostoAttigliano (TR); 17 agostoPalazzo S. Gervasio (PZ); 23 agostoOliena (NU); 27 agostoRoseto (TE); 28 agostoBudoni (OT); 1 settembreStaranzano (GO); 2 settembreVenezia; 17 settembreIsola del Giglio.