‘Umano’: instore tour per Ermal Meta che nel suo primo album solista scandaglia la quotidianità del reale

C’era una volta un bambino, con i sogni legati al cuscino; era capace di sentirsi con poco felice. Ma poi… qualcosa è cambiato: niente più favole per Ermal Meta, ma la consapevolezza di una realtà che nasconde mille aspetti, tra concretezza, sogno, illusioni e disillusione. Con Umano (Mescal / Artist First) il musicista e paroliere debutta con il suo primo album da solista, visionario e insieme realistico quanto la penna di un artista che negli anni si è fatto conoscere come delicato autore.

Le nove tracce di questo disco pop impegnato tratteggiano una serie di piccoli quadri che disegnano aspetti del mondo e dell’uomo nella loro quotidiana esistenza; dipinti in cui la voce di Meta dà forma a pensieri sinceri dall’accento autobiografico. Questa la scaletta dell’album: Odio le favole, Gravita con me, Pezzi di paradiso, A parte te, Umano, Volevo dirti, Bionda, Lettera a mio padre, Schegge.

ermal meta instore

Dopo il lancio in formato digitale e fisico, ora Ermal Meta presenta il suo progetto in una serie di appuntamenti instore. Ecco le prossime date: martedì 23 febbraio Torino (h. 18.30 Mondadori Megastore – Via Monte di Pietà ), giovedì 25 febbraio Milano (h. 18.30 Mondadori Megastore – Piazza Duomo 1),  martedì 1 marzo Bologna (h. 18.30 Feltrinelli – Piazza Ravegnana 1), mercoledì 2 marzo Firenze (h. 18.30 Feltrinelli RED – Piazza della Repubblica), giovedì 3 marzo Bari (h. 18.30 Feltrinelli – Via Melo 119), venerdì 4 marzo Lecce (h. 18.30 Feltrinelli – Via Templari 9) e lunedì 7 marzo Verona (h. 18.00 Feltrinelli – Via Quattro Spade 2).

Umano è scritto, arrangiato e prodotto da Ermal Meta che nell’album ha suonato tutti gli strumenti; tra i suoi collaboratori, Giordano Colombo ed Emiliano Bassi alla batteria, Lucio Enrico Fasino e Matteo Bassi al basso, Dario Faini al pianoforte, Riccardo Gibertini e Marco Zaghi per tromba, trombone e sax tenore. Feiyzi Brera ha collaborato alla stesura degli archi e ha curato programmazioni e campionamenti. La suggestiva immagine di copertina è realizzata da Charlie Davoli mentre le foto sono state di Fabrizio Fenucci.