Il nuovo album dei Modà, «Ecco la nostra Passione Maledetta»: dal lavoro in studio a San Siro

Arriva il 27 novembre, a tre anni dal fortunatissimo album Gioia (certificato 4 Platino FIMI/Gfk), il nuovo lavoro dei Modà, Passione Maledetta, un disco nello stile più autentico della band e «con una forte impronta live che è la dimensione che più ci appartiene» – ha dichiarato Francesco Kekko Silvestre in occasione della presentazione alla stampa.

MODA_PASSIONEMALEDETTA_COVERLe dieci tracce sono state anticipate dal singolo E non c’è mai una fine, accompagnato da un videoclip ambientato a New York che costituisce il primo capitolo di una storia musicale in quattro episodi «legati dal punto di vista narrativo ma ciascuno con un suo senso compiuto», la quale si svilupperà in maniera continuativa con i prossimi singoli (ancora top secret).

Ha raccontato Francesco: «Per il video di E non c’è mai una fine ci siamo affidati a due giovani, Fabrizio De Matteis e Matteo Alberti di Topside Multimedia, con cui abbiamo costruito una storia unitaria. In tutti le clip compaiono gli stessi attori, dei professionisti, che hanno davvero lavorato con professionalità facendo la differenza rispetto a semplici modelli. Nel secondo video la storia matura un po’ ma è poi con il terzo che entra nel vivo, con sviluppi thriller e un tono incazzato…»

Foto dalla Conferenza Stampa per Musica e Tv 2.0

Foto dalla Conferenza Stampa per Musica e Tv 2.0

Inediti e progetto video segna così il ritorno del gruppo con una squadra rinnovata, che fin dal lavoro in studio ha saputo esaltare i punti di forza della band dando ampio spazio a tutti i componenti (oltre a Kekko, Diego, Stefano, Claudio ed Enrico): «Da soli non si va da nessuna parte e per questo lavoro abbiamo costruito grande team. – spiega Francesco – L’esigenza di cambiamento è stata più dei miei compagni che mia, per garantire un maggior coinvolgimento di tutti fin dalla fase degli arrangiamenti». E dal primo ascolto, in effetti, si avverte una dimensione musicale che si conferma riconoscibile e accattivante, fedele alla storia del gruppo ma insieme con una trama sonora ancora più ricca.

Inutile dire che per Passione Maledetta (Ultrasuoni/Artist First) l’attesa – sia del pubblico sia degli addetti ai lavori – è molto alta, così come lo sono le aspettative sulla reazione del mercato. E già la partenza promette bene se è vero che in preorder l’album è schizzato subito in vetta alle charts e la distribuzione parte da una base di ben 200mila copie.

Alla vigilia di questo nuovo debutto, Claudio Ferrante, CEO di Artist First, ha sottolineato qualche dato ufficiale: «I Modà sono l’unica band italiana ad aver conquistato un Disco di Diamante, sono rimasti in classifica per 327 settimane delle quali ben 182 in testa con Viva i romantici e su YouTube si conteggiano in totale 240milioni di views.».

Queste, dunque, le premesse con cui Passione Maledetta si affaccia sulla scena musicale per traghettare i Modà e il loro pubblico verso l’appuntamento di San Siro il prossimo 18 giugno: «Siamo felici di tornare negli stadi, sono stati venduti già quasi 50mila biglietti! Come ci prepariamo? La preparazione è la stessa per qualsiasi live, fisicamente però ci vuole grande allenamento, mentre per la testa non c’è niente da fare: ti danno uno spintone e vai!»