Jovanotti: ecco il palco di ‘Lorenzo Negli Stadi 2015’, la video presentazione in esclusiva sulla JovaTV

Lorenzo Jovanotti non resiste e, a poche settimane dalla partenza del tour negli stadi 2015, svela in esclusiva sulla sua JovaTV il nuovo palco che ospiterà uno spettacolo molto rock‘n’roll. «Sto costruendo un concerto, uno spettacolo che così non lo avete mai visto! E siccome nella vita ho avuto il grande privilegio di poterlo fare, lo faccio: voglio che sia un’esperienza indimenticabile per me e che quindi lo sia per tutti quelli che verranno a vederci, una vera magia, una vera goduria!»

Il rendering del palco

Il rendering del palco

Mosso dall’entusiasmo creativo di costruire qualcosa di inediti e sorprendente, Lorenzo ha lavorato in team con Giancarlo Sforza, Sergio Pappalettera, Giorgio Ioan e Franco Comanducci immaginado quella che si potrebbe definire una non-scenografia: Si tratta, infatti, di uno spazio – dominato da uno schermo di 800 mq – che avrà la sagoma di un fulmine scagliato in mezzo al pubblico quasi ad abbracciare i fan. «Avevo in mente i grandi palchi dei concerti che mi hanno fatto impazzire, i giganteschi spazi degli U2, o gli spettacoli come quelli di Springsteen, e quella cosa che riesce a trasformare uno stadio in uno spazio intimo dove è possibile il CONTATTO. […] Musica, regia, costumi, luci, effetti e visual ad altissima tecnologia».

E racconta ancora Lorenzo: «Ho scelto il FULMINE perché è contemporaneamente il passaggio tra il cielo e la terra, energia, elettricità, rapidità, meraviglia, velocità, luce nella notte ma è anche una CREPA che dichiara la nostra fragilità che, dinamica e pericolosa, dichiara uno stato di assoluta precarietà delle cose. E a cavallo di questo crinale si arricchisce l’esistenza e quindi questo spettacolo. Anche il rock‘n’roll per certi versi è una CREPA/FULMINE. […] Lo spettacolo è questo: un ponte, un passaggio, un rito moderno laico per dire “ehi tu, sei vivo, sei qui, adesso sei qui!” […] Se non si esce dallo stadio con almeno un po’ la vita cambiata, una carica, una spinta, una gioia o un pensiero in più, non ha senso».

A ispirare lo spettacolo tanti ingredienti, dall’immaginario dei supereroi a Bollywood, dal motocross all’Africa, dalle arti marziali alle metamorfosi di Ovidio e i poemi cavallereschi…«e tutto quanto di misterioso c’è nelle cose che ci attraggono senza sapere il perché». Sul palco ci saranno Saturnino al basso, Riccardo Onori e Danny Bronzini alle chitarre, Christian “Noochie” Rigano alle tastiere, Franco Santarnecchi al piano, Gareth Brown alla batteria, Federico Pierantonial trombone, LeonardoDi Angilla alle percussioni, Glauco Benedetti e Mattia Dalla Pozza al sax e Marco Tamburini alla tromba.

Per Lorenzo, quattro diversi outfit: due disegnati da Ennio Capasa, direttore creativo di CoSTUME NATIONAL, e due esclusivamente disegnati da Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, direttori creativi di Valentino che per la prima volta collaborano con Lorenzo.