Dargen D’Amico: esce a gennaio 2015 il nuovo album D’iO, la versione deluxe in pre-order su Amazon

È uno degli artisti più eclettici della scena musicale italiana e lo riconferma con il suo nuovo progetto discografico, l’album di inediti dal titolo D’iO in uscita a gennaio 2015. Dargen D’Amico presenta così un disco che contiene “un poco di tutto quello che ho fatto fino a qui e che come ovvia conseguenza nell’edizione limitata conterrà interamente la mia discografia”.

La versione deluxe dell’album, infatti, rinominata edizione enciclopedicaautografata e numerata a mano dallo stesso Dargen D’Amico -, sarà un cofanetto antologico con la discografia completa del musicista, oltre a rarità e registrazioni inedite. Su Amazon la raccolta è disponibile per il preordine e sarà poi consegnata agli acquirenti a partire da martedì 2 dicembre. Nel cofanetto ci sarà uno spazio vuoto, riservato a D’iO che verrà consegnato da Amazon il giorno della pubblicazione del disco.

Foto dalla Pagina Facebook

Foto dalla Pagina Facebook

L’edizione enciclopedica di D’iO contiene: Musica senza mucisti (2006), Di vizi di forma Virtù (doppio CD, 2008), CD’ (2011), Nostalgia instantanea (2012), L’Ottava (rivisitazioni moderne di brani mai pubblicati, che Dargen che sta svelando giorno per giorno sulla sua pagina di facebook), D’Amico & D’Amici (raccolta di collaborazioni e remix), il 7” del primo singolo del nuovo album, D’iO (2015), un libro con note autobiografiche, ricordi, aneddoti su ogni album.

Così Dargen racconta il suo nuovo album D’iO: “…non è né un elogio né un ringraziamento. È quello di cui ho scritto da Musica Senza Musicisti venendo in qui. In sostanza ho sempre solo scritto di me quindi di noi – che stiamo qui in tutte le forme – e di quello che sta oltre, e nello spazio in mezzo che è la ricerca del Senso. Dentro c’è un poco di ogni disco che ho pubblicato, diciamo che c’è quello che ho capito oggi di ogni disco che ho pubblicato, non molto, ma è quello che posso offrire ora ed è un miracolo che io abbia potuto pubblicare dischi in quest’epoca, in questo paese, spero un domani venga vietato ma nel frattempo mi ritengo un miracolato e andiamo avanti”.