Sheppard: da ‘Geronimo’ a ‘Bombs Away’, l’album di debutto in uscita il 28 ottobre

 Il loro brano, Geronimo, è tra i brani più trasmessi in radio e ha gà conquistato Australia ed Europa e presto, c’è da scommettere, spopolerà anche negli Stati Uniti. Loro sono gli Sheppard e sono arrivati sul palcoscenico musicale internazionale dalla Nuova Guinea passando per l’Australia, pronti a lanciare il loro album d’esordio Bombs Away in uscita il 28 ottobre, cui seguirà nei mesi successivi il tour promozionale.

SheppardIl disco contiene 11 brani nella versione standard (15 nella deluxe) e contiene anche il singolo Let me Down Easy con cui i fratelli Sheppard (George, Amy ed Emma) insieme a Jay Bovino, Michael Butler e Dean Gordon si sono fatti conoscere in Australia (Doppio Platino). Questa la tracklistGeronimo, Something’s Missing, Let Me down Easy, These People, A Grade Playa, Smile, The Best is Yet to come, This Electric Feeling, Find Someone, Lingering, Halfway to Hell. A questi brani si aggiungono nella deluxe edition: Flying Away, Hold My Tongue, Shine My Way, Pebble Road.

La storia degli Sheppard inizia oltre due anni fa a Brisbane, ma la passione per la musica – e il suo studio – hanno animato fin dalla prima infanzia i tre fratelli George, Amy ed Emma Sheppard e gli amici Jay Bovino, Michael Butler e Dean Gordon. È l’insegnante di musica Baruka Tau-Matagu a insegnare ai giovani fratelli l’armonia ma soprattutto a presentarli a una delle leggende della musica australiana, Michael Chugg, che diventa il loro manager. Gli Sheppard nascono come band un po’ per caso, di ritorno in Australia, quando Amy Sheppard inizia a lavorare su una canzone per il diploma in musica e chiede aiuto al fratello George; a loro si aggiunge il compositore e produttore Jay Bovino e in soli tre mesi il trio Bovino / Sheppard / Sheppard scrive oltre 30 pezzi. I musicisti Michael Butler e Dean Gordon si accodano con chitarra e batteria, e la Sheppard più giovane Emma imbraccia il basso.

SheppardBombs Away si caratterizza per una notevole varietà melodica, in cui si incontrano vari stili (southern gothic, pop e musica indie), che la critica ha suggerito di chiamare “la musica per gli ultimi” e in un certo senso la band è d’accordo: «Gli Sheppard scrivono canzoni per gli scoraggiati, c’è sempre un elemento di speranza» dice Jay.

Ha raccontato George circa il nuovo album: «Con Geronimo in un certo senso sapevamo che sarebbe stata una hit. L’abbiamo scritta in due ore. Scrivere è come fare un puzzle, è come risolvere un problema. In questo momento non ci sono molti gruppi pop in giro che scrivono le proprie canzoni e raccontano la propria vita. Gli Sheppard sono una band per chi ama il pop classico: Beatles, Fleetwood Mac, Cat Stevens».