Chi l’ha visto?: Storie, 20 agosto, il caso di Elisa Claps e dell’assassino Danilo Restivo

Nel periodo di assenza dal video del programma di inchiesta di Federica Sciarelli, Rai 3 propone sei puntate in prima serata, strutturate con filmati di lunga durata e con un taglio più cinematografico; sono le storie di Chi l’ha visto? che più hanno colpito il pubblico. Quelle che, iniziate come semplici casi di scomparsa, si sono trasformate negli anni in veri e propri gialli intricati e complessi, senza soluzione.

Chi l'ha visto storieNell’ultima puntata, in onda mercoledì 20 agosto 2014, alle 21.05 su Rai 3, si parlerà di una ragazzina che scompare e che, nell’indifferenza delle istituzioni, viene cercata poco e male. Salvo ritornare alla ribalta della cronaca per un puro caso. Il mistero della scomparsa e della morte di Elisa Claps è rimasto sepolto nella soffitta di una chiesa per 17 anni. Per 17  anni Filomena, una madre coraggio, ha affrontato il suo dolore e lottato per avere la verità, andando contro bugie e menzogne, depistaggi e coperture che hanno impedito di inchiodare il responsabile.

Elisa Claps scompare il 12 settembre del 1993 in pieno centro a Potenza. Si parlerà di fuga, di tratta delle bianche e di tanto altro, ma le indagini non andranno mai nel verso giusto. E l’assassino rimane in libertà. Finché un giorno colpisce ancora. Lontano. In un altro Paese. Qui le indagini sono più efficaci. Viene inchiodato e condannato. Si scopre che forse è un serial killer e si indaga anche per un altro delitto sempre di una giovane donna, per cui sta pagando un innocente. Dopo 18 anni è ora di giustizia anche per Elisa. Il destino dà una mano. Gli operai che lavorano nel sottotetto della Chiesa Madre di Potenza, trovano un corpo mummificato: è quello della diciassettenne. E’ finalmente ora di fare i conti con tutti quelli che hanno per tanti anni ostacolato la verità. Per Filomena Claps, la madre, è la fine di una lunga sofferenza. E’ l’inizio di un grande dolore. Danilo Restivo è stato condannato a Londra per l’omicidio di Ether Barnett. E’ poi stato condannato in Italia per l’omicidio di Elisa Claps.

4 pensieri su “Chi l’ha visto?: Storie, 20 agosto, il caso di Elisa Claps e dell’assassino Danilo Restivo

  1. Il caso di Elisa Claps, Restivo poveraccio è si colpevole ma è malato, i veri colpevoli e delinquenti sono i genitori, il questore, i preti che hanno nascosto sapendo, i magistrati che hanno depistato, il vescovo che sapeva, questi vanno condannati, ma si sa come va la giustizia, pagherà solo uno, e gli altri
    ? liberi, grazie

  2. HAI PERFETTAMENTE RAGIONE UNA POVERA MAMMA E UNA FAMIGLIA CHE DEVE ANCORA LOTTARE PER AVERE GIUSTIZIA E VERITA’ …NON SI VERGOGNANO I GENITORI E TUTTI GLI ALTRI COINVOLTI IN QUESTA STORIA PER QUELLO CHE SONO RIUSCITI A FARE…PROBABILMENTE NO, VISTO CHE PER LORO VIVERE IN QUESTO MODO FA PARTE DELLA “NORMALITA'” COMPORTANDOSI COSI’ HANNO UCCISO INSIEME ALLE ALTRE TRE POVERE DONNE ANCHE IL LORO FIGLIO… BRAVIIII.
    UN RINGRAZIAMENTO SPECIALE A VOI DI CHI L’HA VISTO PER CONTINUARE, DOPO TANTI ANNI, TANTE MINACCE E DENUNCIE A STARE VICINO A QUESTE FAMIGLIE CORRAGGIOSE E COMPRENDO ANCHE TUTTE LE ALTRE .

I commenti sono chiusi.