#Miraculous Gaia racconta i nuovi progetti: «Mi sento come LadyBug: sul palco esce il mio lato più forte». Intervista

È Gaia Gozzi, giovane finalista di X Factor 2016, a dare voce nella sigla alla protagonista femminile di Miraculous, il nuovo cartoon con cui Super! festeggia i suoi primi cinque anni. Studentessa alla scuola d’arte di Parigi, Marinette è una ragazzina a tratti goffa e con una cotta segretissima per il compagno di classe Adrien (aka Chat Noir).

Da adolescente insicura, questa ragazzina acqua e sapone tira fuori le unghie e la determinazione nei panni LadyBug: attraverso i poteri della creazione e della fortuna dovrà salvare la sua città. Al suo fianco Chat Noir, cui Mattia Briga – qui la nostra intervista – ha prestato la voce nella sigla duettando con il talento italo-brasiliano. Abbiamo incontrato Gaia che ci ha raccontato le impressioni su quest’avventura ma anche i progetti in corso: ecco l’intervista.

briga gaia super

Super TV ti ha scelto per dare voce  alla protagonista femminile di Miraculous, Marinette/LadyBug, nella sigla che canti in duetto con Briga. Come hai affrontato quest’esperienza?
Appena mi è stata fatta la proposta di questo progetto mi è subito un’idea sembrata interessante; essendo all’inizio della mia carriera artistica ed essendo già di mio bramosa di novità e nuove esperienze, fare una sigla per un cartoon è sicuramente qualcosa che non succede tutti i giorni. È stato bello anche per il messaggio che ci sta dietro e per i personaggi di Miraculous: i protagonisti sono due ragazzi normali che riescono nell’impresa di salvare la propria città. Attraverso questa sigla ci rivolgiamo a un pubblico molto giovane con un bel messaggio. E poi ho avuto l’onore di duettare con Mattia Briga, un artista che prima non conoscevo; questo progetto ha creato anche un bel legame artistico fra di noi.

Che cosa ti ha divertito di più in quest’esperienza?
Sicuramente è stato divertente l’approccio diverso alla registrazione, il tipo di vocalità utilizzate per il cartone che sono ben precise e insolite rispetto a quelle usate normalmente in studio per un disco. Diciamo che è stato un progetto interessante anche per i tempi: abbiamo lavorato con una tempistica molto ristretta, in un giorno abbiamo inciso, registrato il video, la promo e lo shooting!

Nel personaggio femminile della serie hai trovato qualche affinità con il tuo carattere?
Io mi rivedo in Marinette per il suo trasformarsi in eroina: come lei si sente molto più forte ed estroversa quando diventa LadyBug anche io sento un po’ le stesse sensazioni quando mi esibisco sul palco.

Se potessi scegliere di avere un super potere, quale vorresti e perché?
Sicuramente il fatto di poter andare da un luogo all’altro in un attimo con il teletrasporto non sarebbe affatto male!

gaia super

Qual è stato il personaggio dei cartoon che hai amato di più?
Probabilmente direi Pocahontas perché è forte, libera, amante della vita e dell’amore; ma anche due personaggi come Robin Hood e Peter Pan.

Questo impegno arriva a pochi mesi dalla fine di X Factor: cosa è successo da allora?
Beh, il cambio di vita è stato assurdo! Sono passata dal trascorrere le mie giornate cantando nella mia camera a salire sul palco del Forum di Assago. È stato un bell’upgrade. Appena uscita ho avuto la fortuna di essere stata riconfermata dalla mia discografica e sto lavorando con Fausto Cogliati – lo stesso produttore che mi ha seguito durante il talent –. Con lui sto portando avanti un percorso per migliorarmi e scoprirmi di più, visto che questo è il primo approccio che ho al mondo discografico.

Ci sono, quindi, in cantiere nuovi progetti musicali di cui puoi anticipare qualcosa?
In questo periodo siamo spesso in sala registrazione perché prima dell’estate esce il mio nuovo singolo e poi ho l’onore di aprire due concerti dell’Oronero Tour di Giorgia. Inoltre ci sono in lavorazione altri piccoli progetti che sveleremo piano piano.

Lavorativamente, qual è stato finora il risultato di cui vai più fiera?
È stato un percorso pieno di grandi soddisfazioni, ma devo dire che sono molto contenta di aver raggiunto il Disco d’Oro (per il singolo New Dawns, alla settimana 2/2017, ndr) in poco tempo dopo la pubblicazione dell’album e la fine di X Factor. Adesso si sta lavorando per un buon anno di registrazioni, nuovi progetti e tanta scrittura. Non mi precludo niente: voglio fare un bel percorso solido, di lavoro e scelte coerenti con quello che sono io perché, quando inizio una cosa, voglio portarla a termine bene soprattutto se si tratta di musica. Non è un lavoro, per me, ma ciò che più amo fare e, avendo ora la fortuna di viverne, il minimo è farlo al meglio.

Quali sono i tratti del tuo carattere che in questo momento ti stanno aiutando di più?
Io sono una persona molto determinata ma anche ipercritica, due caratteristiche che ti fanno andare avanti e si alimentano a vicenda. La mia determinazione mi porta a essere critica con me stessa perché ho voglia di migliorarmi sempre di più, di lavorare, andare avanti, fare tante cose però con criterio, testa e soprattutto cuore. Sto scrivendo finalmente io per dare voce a quello che sento e penso: sono molto contenta di questo inizio di percorso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E qual è stata, invece, la difficoltà maggiore da affrontare dopo il talent?
La difficoltà principale probabilmente è legata al boom iniziale che c’è stato dopo il programma e adesso, davvero, bisogna rimboccarsi le maniche per tenere alta l’asticella. Questo, però, non mi spaventa: quello che conta è metterci il cuore. In questo sono sognatrice nonostante la determinazione mi tenga coi piedi ben saldi a terra.

Miraculous, le storie di LadyBug e Chat Noir è una coproduzione De Agostini Editore e va in onda con le prime due puntate sabato 18 marzo alle 19:40 in occasione del compleanno di Super! (canale 47 del Digitale Terrestre e sulla piattaforma Sky al canale 625). La serie animata sarà poi in palinsesto a partire dal 27 marzo, dal lunedì al venerdì, alle 18:30.

Lascia un commento